Blog

Elena Barassi

10 Aprile Apr 2017 15 giorni fa

Fuga ad Helsinki, audace capitale nordica al confine tra Oriente ed Occidente

Nella lista dei 10 paesi da visitare assolutamente nel 2017 secondo la guida Lonely Planet quest’anno la Finlandia compie 100 anni di indipendenza dal dominio degli zar. Oggi tra gli Stati più all’avanguardia del mondo in vari settori, tra cui tecnologia ed educazione civica, è anche una delle ultime oasi di natura incontaminata d’Europa, tanto da salire sul podio dei 3 paesi con l’aria più pulita al mondo. Riservato, quasi timido di primo acchito il popolo Suomi, nonostante un idioma quasi incomprensibile,  conquista il cuore della gente con senso dell’ospitalità e rara sobrietà. Ed Helsinki, la capitale,è, senza dubbio, un’esplosione di creatività. Tra Art Nouveau e Design District Moderna città europea a misura d’uomo al confine tra Oriente ed Occidente, Helsinki sorprende per quel mix così ben calibrato tra presente e passato. Impossibile non restare affascinati dagli splendidi edifici in stile Art Nouveau, corrente direttamente ispirata al Kalevala, il celebre poema epico nazionale scritto a metà Ottocento da Elias Lönnrot sulla base di canti e leggende popolari finlandesi. La stazione ferroviaria ne è uno splendido esempio, ma non sono da meno il Teatro Nazionale, progettato dall’architetto Onni Tarjanne nel 1902 e gli affascinanti palazzi che punteggiano qua e là  i quartieri di Katajanokka, Kruunuhaka ed Eira. Senza dimenticare la  Piscina di Yrjönkatu inaugurata nel  1928 e per decenni l’unica piscina pubblica della Finlandia, impressionante esempio di raffinata architettura. Lo spirito contemporanea si esprime al massimo nel Design District, il vero centro creativo della città che nel 2012 è stata pure capitale mondiale del design e che include gli affascinanti quartieri di Punavuori, Kaartinkaupunki, Kruununhaka, Kamppi e Ullanlinna. Per avere un’idea di insieme il Design Museum è il luogo giusto grazie alla collezione permanente che presenta la storia del design finlandese dai pionieri del XIX secolo ad Alvar Aalto, padre del modernismo finlandese, fino ai giorni nostri. La vivacità qui emerge in ogni dove. Dagli open studio dove le opere sono un work in progress da ammirare in ogni momento bevendo una tazza di caffè di cui i finlandesi sono grandissimi consumatori, agli eventi pop-up presenti durante tutto l’anno che possono variare dal Late Night Shopping, al Restaurant Day fino al Cleaning Day. Vibrante Kallio Insomma una città viva dove è impossibile non restare affascinati dall’effervescenza di alcuni zone. Tra queste Kallio, l’ex quartiere della classe operaia, è il lato più liberal della città con una concentrazione impressionante di pub e caffè contemporanei come il Villipuutarha (“il giardino selvaggio”), il Taikalamppu (“la lampada magica”), il Sävy (“ombra”) e l’estivo Bear Park Café. Il cuore del quartiere bohemien è senza dubbio il mercato di Hakaniemi, più di 100 anni di storia e luogo perfetto per scovare delle chicche gastronomiche come i  formaggi del Lentävä lehmä (“la mucca volante”) o, al piano superiore, interessanti corner di affermati designer come il celebre brand Marimekko. Non mancano nel quartiere insolite boutique, come il negozio di collezioni di design Femin e quello vintage chiamato Ansa (“Trappola”). Suomenlinna e Porvoo da scoprire in battello Ma la capitale riserva anche piacevoli sorprese a poca distanza dal momento che conta di un arcipelago di circa 330 isole. Scenografica Suomenlinna, la fortezza sull'acqua, patrimonio dell’Unesco e a soli pochi minuti di traghetto da Helsinki. Antica base navale della flotta dell’arcipelago, eretta intorno alla metà del XVII secolo, quando la Finlandia faceva ancora parte del Regno di Svezia è uno lei luoghi più visitati del paese soprattutto per la magia che traspare dalla chiesa, costruita nel 1854 e concepita anche come faro per il traffico marittimo e aereo, la Porta del Re (Kuninkaanportti), l’ingresso principale della fortezza e suo simbolo e i bellissimi giardini che la circondano. Si contende la palma di luogo incantevole Porvoo, la seconda città più antica del Paese e da sempre meta prediletta di artisti in cerca di ispirazione. Svettano in lontananza dal battello a vapore le sue tipiche casette rosse allungate sulla riva del fiume  Porvoonjoki, un tempo usate come magazzini per merci e prodotti, e pennellate di nuances rubino in onore di re Gustavo III di Svezia,.Si cammina nei vicoli acciottolati della città vecchia, un vero e proprio museo a cielo aperto, e si scovano deliziose boutique di oggettistica e interior design. Qui antichità e design contemporaneo  vanno di pari passo La mia dritta?? La cucina finlandese con i suoi cibi selvatici provenienti dalle numerose foreste, i prodotti a km 0 e la creatività degli chef vi conquisterà dal primo momento. Per un assaggio ecco due indirizzi top : il Ristorante Nokka  (www.ravintolanokka.fi/en/) e Shelter (www.shelter.fi)Info: www.visitfinland.com/it http://www.visithelsinki.fi/en Crediti: Elena Barassi, Visit Finland di Elena Barassi @elenanibe [gallery ids="1137,1136,1133,1128,1132,1134,1131,1130"]