Blog

Veragandini

28 Novembre Nov 2018 15 giorni fa

La Savana in città

Sensuale e grintoso, bon ton, pop, rock: le interpretazioni dello stile animalier sono infinite. Certo... va saputo portare, ma se abbinato con buon gusto può regalare anche un’ eleganza sofisticata. Zebrato, tigrato, leopardato, lo stile “sauvage" torna a stregare la stagione invernale grazie al suo fascino audace e difficile da interpretare che mette alla prova anche le più esperte. Una stagione che accoglie l’esigenza di sentire addosso tutte le texture della savana. Bastano un cappotto, una sciarpa, una camicetta di seta, un pantalone dalla linea pulita per donare il giusto tocco di eleganza senza cadere nel “trash”. Sulle passerelle più importanti del mondo negli ultimi anni è stato un susseguirsi di stampe maculate, forse perché lo stile sauvage è grintoso, sexy, femminile e si presta a diversi abbinamenti anche "fuori dalle righe". Era l’inizio degli anni ’40, quando la sensualissima pin up Betty Page faceva girare la testa a tutti. La famosa serie “Jungle Betty” la ritrae adornata di pelle di leopardo, in mezzo ai ghepardi. Ma lo stile animalier è stato portato per la prima volta in passerella da Christian Dior nel 1947 e sfoggiato negli anni successivi in chiave bon ton da grandissime personalità dello star system, dando vita a un trend immortale. Ricordate i look Marilyn Monroe, Brigitte Bardot e Ursula Andress? E come dimenticare i cappottini, divenuti simbolo di un’intera generazione, portati con grande stile da icone come Jackie Kennedy e Liz Taylor? E il cappello di pelliccia leopardata indossato da Audrey Hepburn nel film 'Sciarada'?   Persino la Regina Elisabetta ha osato, in gioventù, sfoggiare pellicce maculate.. . Anche oggi molte star di Hollywood indossano stampe tigrate o zebrate anche durante eventi di gala, come Jennifer Lopez. E, come ci insegna la super top Bella Hadid, sono proprio le calzature animalier, il dettaglio chiave di questa stagione.   Uno stile che nel tempo ha saputo trasformarsi per assecondare le tendenze e rendersi immortale.