Blog

Gabriele Villa

18 Giugno Giu 2017 6 giorni fa

Anche i ricchi (e bravi) piangono

Mentre attendiamo il verdetto finale sul vincitore dell'Us Open, il secondo major stagionale che che va a concludersi oggi sul percorso dell’Erin Hills nel Wisconsin, prendiamo atto con rammarico delll'uscita di scena, dopo le prime 36 buche del nostro Francesco Molinari, 79° con 147 (74 73, +3). Ma prendiamo pure atto che anche i ricchi e bravi piangono con lui. La seconda tornata di giorco è stata una giornata tuta in salita per i big. A cominciare dai primi tre al mondo, nell’ordine Dustin Johnson, 92° con 148 (+4), il nordirlandese Rory McIlroy, 102° con 149 (+5) e l’australiano Jason Day, 144° con 154 (+10). Da quando è stato istituito il world ranking nel 1986 è la prima volta che i primi tre della classifica non passano il taglio tutti insieme in un Major