Blog

Paolo Gambi

16 Aprile Apr 2018 16 aprile 2018

Vuoi scrivere un libro? Leggine cento

“Se scrivo la mia storia vinco il Nobel per la letteratura”. “Ti racconto il libro che ho in testa, tu lo scrivi e dividiamo gli utili”. “La mia vita è così incredibile che voglio farne un romanzo da un milione di copie”.   Da quando faccio lo scrittore più o meno ogni giorno vengo approcciato da qualcuno con una frase del genere. La qual cosa mi lusinga molto: ciascuno di noi è un intreccio di parole che si sono fatte carne e pensare di metterle per iscritto, e di chiedere il mio aiuto per farlo, è per me fonte di soddisfazione ed autostima. E contando che ho scritto libri molto diversi che partono dai romanzi e arrivano a biografie di personaggi molto disparati - dal Cardinal Tonini a Raoul Casadei - non trovo strano che ci sia chi mi interpella. Infatti da qualche tempo a questa parte ho deciso di iniziare a costruire una risposta a chi mi pone queste domande. Solo che se poi alle stesse persone che vogliono scrivere un libro chiedo: “qual è l'ultimo libro che hai letto?”, la risposta di solito è qualcosa come: “Non mi ricordo, alla sera guardo la televisione”. “È da quando ero alle superiori che non leggo più”. “Dai valà, non posso mica perdere il mio tempo così”. Che è un po' come se qualcuno volesse vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi per i 100 metri stile libero ma si rifiutasse di andare in piscina ad allenarsi. I dati sulla lettura in Italia continuano ad essere impietosi. Sei italiani su dieci, nel 2016, non hanno letto neppure un libro in un anno. Tutti vogliono scrivere. Pochissimi vogliono leggere. Allora, è meraviglioso sognare di diventare la nuova Rowling o scrivere delle nuove sfumature di grigio (possibilmente meno disgustose) impastate con la propria storia. Però se vuoi scrivere un libro inizia a leggerne almeno cento.