Blog

Marcello Foa

14 Settembre Set 2017 7 giorni fa

Quando la grande stampa è complottista. Sugli atleti russi (e sui carabinieri "stupratori")

Ebbene sî. Esistono due tipi di complottismi: quello che la grande stampa mainstream disapprova costantemente e con il quale si tende ad etichettare tesi che contrastano troppo la narrativa ufficiale. Però esiste un altro complottismo, che non solo non è scandaloso ma è indicato e indispensabile, se ad attuarlo è proprio la grande stampa mainstream e se serve a confermare la tesi ufficiale o perlomeno il frame dominante. Già, perché l'obiettività assoluta è difficile nel giornalismo, che invece si caratterizza per un certo conformismo. Pubblica le notizie ma già con un'intonazione di fondo, un giudizio di fondo. E quando emergono fatti che contrastano quel frame, spesso anziché ammettere ci si rifugia nel complottismo, quello buono. Perché serve a confortare la tesi iniziale. Un esempio è proprio di questi giorni. Vi ricordate titoli come questo? Certo che sì. Dall'autunno del 2015, in seguito a un'inchiesta giornalista tedesca, tutti i giornali del mondo hanno pubblicato, in crescendo, migliaia di articoli sul doping degli atleti russi. Era un coro; anzi un'autentica valanga mediatica, che ignorava e all'occorrenza travolgeva, screditandola, qualunque posizione dubitativa. D'altronde non potevano esserci dubbi. Gli atleti russi erano tutti dopati! Infatti la squadra di atletica russa fu esclusa dai Giochi Olimpici di Rio. E dopo qualche mese addirittura dalle Paraolimpiadi. Oggi veniamo a conoscere la verità . La Wada, ovvero l'Agenzia anti-doping mondiale, ha scagionato 95 dei 96 atleti sospesi, perché le prove contro di loro erano insufficienti. Clamoroso non c'è che dire. Ma è a questo punto che scatta il complottismo "giustificazionista" secondo gli schemi dello spin. A fare lo scoop è ancora una volta il New York Times che dà l'intonazione a tutta la stampa internazionale. E infatti si mette in risalto, ad esempio sulla Repubblica, che è "Una decisione destinata a suscitare polemiche, con l'interrogativo se sia prevalsa l'efficacia del sistema russo nel distruggere le prove o l'approccio soft degli investigatori". Capito? La Wada, che era elogiata e ritenuta una fonte sicurissima un anno e mezzo fa, ora viene ritenuta poco seria perché, tra l'altro, non avrebbe sentito la "gola profonda" dell'inchiesta. Si dubita, improvvisamente, dell'integrità di chi giudica. Notate bene: l'idea che gli atleti fossero puliti e che la loro esclusione dai Giochi sia stata un'ingiustizia non viene nemmeno presa in considerazione. Il complottismo necessario traspare anche in una drammatica vicenda di questi giorni, quella del denunciato stupro delle due turiste americane a Firenze. Sia chiaro: saranno i giudici a stabilire cos'è successo e i carabinieri si sono comportati comunque in maniera inaccettabile, avendo violato le regole e il codice d'onore dell'Arma. L'intonazione di fondo della stampa, però, è colpevolista nei loro confronti. L'altro giorno, ad esempio, il Corriere della Sera aveva un titolo in home page in cui si parlava di " prime ammissioni" di uno dei due carabinieri. E io, come migliaia di lettori, ho pensato: ecco, ha confessato lo stupro. Poi però leggendo l'articolo, si scopriva che le ammissioni riguardavano il fatto che ci fosse stato un rapporto sessuale consenziente. E lo stesso atteggiamento traspare ora, dopo l'interrogatorio del secondo carabiniere. Guardate questo titolo. Entrambi sostengono la stessa tesi però, evidenzia il Corriere nel sommario, "ci sono buchi e violazioni nella notte dei carabinieri". Ne converrete: un conto è violare il regolamento, un altro è violentare due turiste, peraltro in circostanze strane,a quanto pare. Una in ascensore, l'altra sul ballatoio di un condominio. Con due ragazze che - a quanto si è letto nei giorni scorsi - avrebbero stipulato la polizza antistupro e che trovano la forza di fotografare uno dei due rapporti. Volendo essere complottisti in loro favore - anche escludendo quelle più controverse come la polizza antistupro, prima annunciata e poi smentita - si potrebbe sostenere che le circostanze rafforzano la tesi dei carabinieri: perché violentarle sul ballatoio? Sarebbe stato molto più semplice in appartamento. Un rapporto in un luogo semipubblico come quello lascia prefigurare più un rapporto impetuoso, fugace, fuori dagli schemi e consenziente che una violenza. E poi: perché la ragazze li hanno fatti salire? Visto? Volendo si può dare un'intonazione tesa a scagionare i due agenti dall'accusa più infamante. Ma non è questo l'atteggiamento prevalente che, invece, perlomeno sui grandi media (che a loro volta influenzano gli altri media, non dimenticatelo) è quello improntato sul sospetto colpevolista. E se poi finisce come gli atleti russi? La verità si saprà fra mesi se non anni, quando la vicenda non interesserà più il grande pubblico. Quel che conta è l'intonazione del momento; perché è adesso che si influenza l'opinione pubblica. Questo conta in termini mediatici. Con poca oggettività e tanto complottismo conformista. Ma, vi prego, non ditelo alla maggior parte dei miei colleghi; potrebbero offendersi. Seguitemi anche sulla mia pagina Facebook e su twitter @MarcelloFoa - - -