Blog

Marcello Foa

12 Giugno Giu 2018 11 giorni fa

Visto che uomo, Macron? E visto che Italia? Orgoglio e dignità, finalmente!

Ma se il portavoce di En marche!, il partito del presidente francese Macron, giudica l'Italia "vomitevole", perché non bisogna dirlo? Perché una parte della stampa mainstream sente il bisogno di attenuare, magari anche nascondere, come se si dovesse difendere la reputazione della Francia? Oggi su alcuni siti quel titolo è comparso, poi scomparso, poi riapparso; altri hanno affogato l'epiteto all'interno del pezzo. Tutto questo, giornalisticamente, non ha senso. L'insulto c'è stato, eccome se c'è stato, pesantissimo. E sebbene poi lo stesso Macron abbia parzialmente corretto il tiro, giudicando il governo italiano "cinico e irresponsabile", il caso è grave. A provare imbarazzo non deve essere la stampa italiana, che semmai dovrebbe indignarsi. Dovrebbero essere i francesi perché a essere insostenibile non è la posizione italiana ma la loro. Di quella Francia che i porti li ha chiusi addirittura un anno fa;  che respinge brutalmente gli immigrati al confine di Ventimiglia, senza compassione nemmeno per bambini e donne incinte, e  si permette persino di sconfinare con i suoi gendarmi in territorio italiano. L'ipocrisia di Macron e del suo partito è flagrante. E il loro macroscopico doppiopesismo dà la cifra di questa Unione Europea, mai solidale nel momento del bisogno e che vede nell'Italia un Paese da sfruttare, da umiliare, da comprare. Quel Paese, però, grazie a Salvini e al governo Lega- 5 Stelle, ora dice no e rialza la testa con orgoglio. Pretende rispetto, non accetta lezioni da Parigi. E non tornerà indietro. Diciamolo: era ora! - .