Sesso, droga e rap: 18 in manette

Sesso, droga e rap: 18 in manette
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
18 Settembre Set 2009 18 settembre 2009

Blitz dei carabinieri della Capitale contro un giro di spaccio interno agli ambienti dei rapper, 35 fermi e oltre 10 chili di sostanze stupefacenti sequestrate

Roma - Si davano appuntamento ai concerti rap utilizzando internet, YouTube e Facebook. Nei locali di Testaccio e San Lorenzo, luoghi simbolo della movida romana, oltre alla musica fatta di testi espliciti c’era anche un fiume di droga che veniva spacciata: cocaina, hashish e marijuana che spesso finiva nelle tasche di giovanissimi anche di buona famiglia. I carabinieri di Roma questa mattina all’alba hanno arrestato 18 persone tutte comprese in una fascia d’età che va dai 18 ai 33 anni. Per loro l’accusa è detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’inchiesta era partita un anno fa con l’arresto di Armando Sciotto, 30 anni, detto Er cicoria e ritenuto la mente di questo giro di spaccio.

La scena hip hop della Capitale
Tra i denunciati c’è anche E. F., 33 anni, cantante del gruppo hip hop, Noyz Narcos, molto noto tra i giovani della capitale. Nei testi delle sue canzoni, come hanno confermato i carabinieri di Roma diretti dal tenente colonnello Alessandro Casarsa, riferimenti espliciti all’uso di droga e al sesso estremo. Oltre agli arresti di questa mattina, nel corso dell’ultimo anno gli uomini dell’Arma hanno effettuato altri 35 fermi e sequestrato oltre 10 chilogrammi di sostanze stupefacenti. "Abbiamo scoperto un fenomeno di spaccio collegato agli ambienti del rap romano - ha affermato Casarsa -Una cornice sociale pericolosa da cui deriva una condotta criminosa: ambienti dove ci sono persone che hanno stili di vita e comportamenti preoccupanti in cui pornografia, violenza e droga sono il linguaggio quotidiano".

Tags

Commenti

Commenta anche tu