Sesso, droga e rap: 18 in manette

Sesso, droga e rap: 18 in manette
Inside Over
18 Settembre Set 2009 18 settembre 2009

Blitz dei carabinieri della Capitale contro un giro di spaccio interno agli ambienti dei rapper, 35 fermi e oltre 10 chili di sostanze stupefacenti sequestrate

Roma - Si davano appuntamento ai concerti rap utilizzando internet, YouTube e Facebook. Nei locali di Testaccio e San Lorenzo, luoghi simbolo della movida romana, oltre alla musica fatta di testi espliciti c’era anche un fiume di droga che veniva spacciata: cocaina, hashish e marijuana che spesso finiva nelle tasche di giovanissimi anche di buona famiglia. I carabinieri di Roma questa mattina all’alba hanno arrestato 18 persone tutte comprese in una fascia d’età che va dai 18 ai 33 anni. Per loro l’accusa è detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’inchiesta era partita un anno fa con l’arresto di Armando Sciotto, 30 anni, detto Er cicoria e ritenuto la mente di questo giro di spaccio.

La scena hip hop della Capitale
Tra i denunciati c’è anche E. F., 33 anni, cantante del gruppo hip hop, Noyz Narcos, molto noto tra i giovani della capitale. Nei testi delle sue canzoni, come hanno confermato i carabinieri di Roma diretti dal tenente colonnello Alessandro Casarsa, riferimenti espliciti all’uso di droga e al sesso estremo. Oltre agli arresti di questa mattina, nel corso dell’ultimo anno gli uomini dell’Arma hanno effettuato altri 35 fermi e sequestrato oltre 10 chilogrammi di sostanze stupefacenti. "Abbiamo scoperto un fenomeno di spaccio collegato agli ambienti del rap romano - ha affermato Casarsa -Una cornice sociale pericolosa da cui deriva una condotta criminosa: ambienti dove ci sono persone che hanno stili di vita e comportamenti preoccupanti in cui pornografia, violenza e droga sono il linguaggio quotidiano".

Tags

Commenti

Commenta anche tu