Autostrade, dal 1° gennaio tariffe in aumento

Autostrade, dal 1° gennaio tariffe in aumento
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
30 Dicembre Dic 2009 30 dicembre 2009

Dal prossimo primo gennaio 2010 scattano gli adeguamenti delle tariffe di pedaggio autostradale delle società concessionarie. Firmati i decreti che fissano il livello degli aumenti, che sono del 2,40% per Autostrade per l’Italia

Roma - Dal prossimo primo gennaio 2010 scattano gli adeguamenti delle tariffe di pedaggio autostradale delle società concessionarie, informa l’Anas. Sono stati firmati i decreti di concerto dei ministri delle Infrastrutture e dell’Economia che, sulla base dell’istruttoria Anas, fissano il livello degli aumenti, che sono del 2,40% per Autostrade per l’Italia, concessionaria che gestisce la principale rete autostradale italiana.

Gli aumenti sulle autostrade Questi gli altri aumenti: Ativa 6,23%; Autostrada del Brennero 1,60%; Brescia-Padova 6,56%; Centropadane 0,74%; CISA 1,76%; Fiori S.p.A. 1,15%; Milano Serravalle Milano Tangenziali 1,41%; Tangenziale di Napoli 2,17%; Rav 0,94%; Salt 1,50%; Sat 2,11%; Autostrade Meridionali 1,43%; Satap tronco A4 (Novara Est-Milano 15,83%; Torino-Novara Est 15,29%); Satap tronco A21 9,70%; Sav (Autostrada 1,36%; Raccordo Gran S. Bernardo 1,04%); Sitaf 2,35%; Torino-Savona 1,47%; Strada dei Parchi 4,78%. Non sono stati riconosciuti incrementi tariffari per il Consorzio per le Autostrade Siciliane (Messina-Catania e Messina-Palermo), per Autovie Venete S.p.A. e per Asti-Cuneo. Le tariffe di pedaggio della socie tà Cav sono state ridotte, rispettivamente, del 1,00% per l’A4 Venezia-Padova tangenziale ovest di Mestre e raccordo con aeroporto Marco Polo, e del 1,18% per il Passante di Mestre.

Tags

Commenti

Commenta anche tu