I No Tav hanno bloccato
la Torino-Bardonecchia
Proteste dei camionisti

I No Tav hanno bloccato<br />
la Torino-Bardonecchia<br />
Proteste dei camionisti
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
19 Gennaio Gen 2010 19 gennaio 2010

Circolazione ferma alcune ore per il corteo dei manifestanti lungo un tratto della A 32 scesi in strada contro la Torino-Lione. Traffico ripreso nel primo pomeriggio

Torino - Non si ferma la protesa dei No Tav che vogliono impedire la realizzazione della ferrovia veloce fra Torino e Lione. L’autostrada Torino-Bardonecchia è stata bloccata alcune ore dai manifestanti No Tav. La decisione di muoversi in corteo e raggiungere la A32 è stata presa dall’assemblea dei manifestanti riuniti all’alba in presidio all’autoporto di Susa dove è iniziato uno dei sondaggi preliminari alla realizzazione della Torino-Lione, il primo della Val Susa. Presidio No Tav anche a Torino, davanti alla sede Rai di via Verdi. Le forze dell’ordine per precauzione hanno deciso la chiusura dell’autostrada anche in direzione Torino, con obbligo di uscita a Venaus e rientro a Chianocco. Un gran numero di poliziotti è collocato a presidio della trivella che si trova vicino alle A32 in direzione Torino, motivo questo che ha suggerito l’opportunità di bloccare il transito sull’autostrada.

Il corteo davanti alla trivella che da questa notte è al lavoro. Vivaci proteste degli autotrasportatori che hanno accompagnato la manifestazione con insistenti colpi di clacson. Intanto, a Torino, riunione dell’Osservatorio sulla Tav, la prima dopo la nuova composizione proposta da Provincia di Torino e Regione Piemonte.

La manifestazione si è conclusa nel primo pomeriggio e l'autostrada è stata riaperta.

Tags

Commenti

Commenta anche tu