L'Italia nella morsa del gelo

L'Italia nella morsa del gelo
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
1 Febbraio Feb 2010 01 febbraio 2010

Fino a mercoledi temperature in picchiata: Bologna come Bolzano, -7°. Nevicate abbondanti al Centrosud. Chiuso l'aeroporto di Ancona. Spargisale in azione sulle autostrade

Milano - Rispettata la tradizione: anche quest'anno i cosiddetti "giorni della merla" si rivelano tra i più freddi dell'anno. Forte il rischio di valanghe nell'Appennino centrale: ed è stata proprio una slavina, staccatasi sul Gran Sasso, a travolgere ieri alcuni escursionisti: due i morti. Automobilisti bloccati sull'A14 tra la Romagna e le Marche. Le previsioni parlano di temperature ancora in calo: gelate in tutte le regioni centro-settentrionali. Neve anche al centro-sud, dall'Emilia Romagna alla Calabria e in Sardegna. La colonnina del mercurio ha fatto registrare i -7° a Bologna, la stessa temperatura di Bolzano.

Gelo da record Gelo intenso su tutto il nord Italia, in Pianura Padana e, in particolare, in Alto Adige. A Brunico la temperatura è scesa a -17 gradi, a Vipiteno -15, a Merano e Bressanone a -9 e Bolzano a -8. Per domani grazie alle correnti nordoccidentali in quota arriveranno ulteriormente masse d’aria di origine polare. Ed è gran freddo su tutto il settentrione: si va dai -8 gradi di Aosta ai -5 gradi di Torino e di Milano; dai -6 di Bologna ai -8 di Verona. Temperatura a -7 gradi a Parma, Venezia e Rimini. A Firenze la minima delle sei del mattino è scesa a -6 gradi, a Perugia registrati -5 gradi. Sulle alpi centro orientali sono previste domani temperature ulteriormente rigide. Secondo il bollettino meteo del centro valanghe di Arabba, ad Asiago, poco oltre i mille metri di altitudine, sono previsti -23 gradi; anche -13 gradi a Belluno e Cortina d’Ampezzo. Al centro sud, temperature sotto lo zero a Roma, dove la colonnina di mercurio è scesa stamani anche a -2, a Campobasso registrati -3 gradi così come a L’Aquila. A Bari la temperatura minima è stata di 2 gradi. Va un pò meglio a Napoli con 4 gradi. Temperature nella media stagionale a Palermo e Reggio Calabria. Freddo, invece a Cagliari, dove la minima è stata di un grado.

Freddo intenso al Sud Freddo intenso anche al sud: una bufera di neve si è abbattuta sulla Sila. La neve, accompagnata da un forte vento, ha creato inoltre notevoli disagi alla circolazione sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria nel tratto compreso tra Mormanno e Morano. Il maltempo ha interessando anche il catanzarese: il forte vento accompagnato dalla pioggia ha provocato due frane. Un’ abbondante nevicata si è avuta infine nel centro della Sardegna. Ancora critica la situazione dei trasporti nelle Marche dopo l’ondata di neve e gelo che ieri sera ha bloccato per tre ore circa 2.000 automobilisti lungo l’A14, fra Fano e Pesaro. Stamani alle 8 l’aeroporto di Ancona-Falconara è stato chiuso per via del ghiaccio che copre la pista, mentre difficoltà per il traffico delle auto si registrano lungo tutta la rete viaria interna.

Neve su 500 km di autostrade La neve è caduta sull’A1 Milano-Napoli, nel tratto tra Piacenza e Barberino, e l’A14 Bologna-Taranto nel tratto da Bologna ad Ancona. In azione oltre 150 spargitori e 500 lame sgombraneve, operative per oltre 24 ore. Per chi si mette in viaggio, infine, si raccomanda di prestare particolare attenzione quando si percorrono zone in ombra, vicine ai corsi d’acqua e viadotti esposti al vento dove è più facile che si formino lastre di ghiaccio estremamente pericolose per chi è alla guida; e di evitare l’uso di motoveicoli nel caso in cui il manto stradale sia reso particolarmente viscido a causa di neve o formazione di ghiaccio.

Le previsioni L’Italia ancora stretta nella morsa del freddo e gelo. Da ieri, temperature in picchiata in tutto la penisola. La pioggia invece continuerà a sferzare il sud, Calabria e Sicilia in particolare, secondo l’allerta meteo della Protezione civile. E le temperature resteranno al di sotto della media stagionale almeno fino a mercoledì. Le temperature in forte calo, specie a centro sud. Per oggi sono previste piogge residue al centro, specie nelle zone costiere di Marche, Abruzzo e Molise, e in Sardegna. Precipitazioni che saranno più intense, invece, in Calabria e Sicilia dove potrà nevicare anche a basse quote, al di sopra dei 300-500 metri. Un miglioramento è previsto solo per il pomeriggio, ma le temperature resteranno al di sotto della media stagionale anche all’inizio della settimana, almeno fino a mercoledì.

Tags

Commenti

Commenta anche tu