Gp Cina, pole per Rosberg
È nona la Ferrari di Alonso

Gp Cina, pole per Rosberg<br />È nona la Ferrari di Alonso
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Aprile Apr 2012 14 aprile 2012

Il tedesco della Mercedes che segna il miglior tempo nella terza e ultima manche di qualifiche sul circuito di Shanghai. Al fianco di Rosberg ci sarà l’altra Mercedes di Schumacher

Pole position per Nico Rosberg che domani partirà davanti a tutti sul circuito di Shanghai per il Gran Premio di Cina, terzo appuntamento del Mondiale di Formula Uno. È la prima pole nella carriera del tedesco della Mercedes che segna il miglior tempo nella terza e ultima manche di qualifiche girando in 1'35"121, infliggendo oltre cinque decimi a Lewis Hamilton (1'35"626). Ma il pilota anglo-caraibico della McLaren, partito in pole sia in Australia sia in Malesia, perderà cinque posizioni sulla griglia per la sostituzione del cambio e in prima fila, al fianco di Rosberg, ci sarà l’altra Mercedes di Michael Schumacher (1’35"691).

Sorprendente quarto tempo per Kamui Kobayashi (Sauber), seguito da Kimi Raikkonen (Lotus) e Jenson Button (McLaren). Solo nono tempo per Fernando Alonso (Ferrari): 1’36"622 per lo spagnolo, a circa un secondo e mezzo da Rosberg. Per il ferrarista, dunque, quinta fila con accanto la Lotus di Romain Grosjean. Erano rimasti fuori dalla lotta per la pole position Sebastian Vettel e Felipe Massa, usciti di scena nella seconda manche delle qualifiche: il due volte campione del mondo della Red Bull non è riuscito a fare meglio di 1’36"031, l’undicesimo tempo che lo costringerà a partire dalla sesta fila, affiancato proprio da Massa, dodicesimo con 1’36"255. Si erano fermati al Q2 anche Pastor Maldonado (Williams), Bruno Senna (Williams), Paul Di Resta (Force India), Nico Hulkenberg (Force India) e Daniel Ricciardo (Toro Rosso). Nel Q1 erano stati invece eliminati Jean-Eric Vergne (Toro Rosso), Heikki Kovalainen (Caterham), Vitaly Petrov (Caterham), Timo Glock (Marussia), Charles Pic (Marussia), Pedro de la Rosa (Hrt) e Narain Karthikeyan (Hrt).

Tags

Commenti

Commenta anche tu