Come sarà l'uomo nel 5000? ​Piedi palmati, peli folti e senza denti

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
14 Gennaio Gen 2016 14 gennaio 2016

Come sarà l'essere umano nel 5000? Uno scienziato inglese, il paleoantropologo Matthew Skinner, predice quale sarà il futuro del corpo umano e come si evolverà a seconda dell'habitat in cui si troverà a vivere. Se fra 3mila anni l'uomo sarà costretto a vivere in un mondo acquatico, probabilmente svilupperà mani e piedi palmati e una membrana nittitante, cioè una palpebra trasparente che proteggerà e idraterà gli occhi mantenendo la visibilità. Se invece gli esseri umani dovranno colonizzare un altro pianeta, viaggiando nello spazio probabilmente dovremo cambiare le nostre abitudini alimentari consumando cibo liquido o in pillole. I denti, quindi, diventeranno decisamente più piccoli perchè poco utilizzati e anche la mascella si rimpicciolirà. Se invece dovesse esserci una seconda era glaciale, la pelle diventerà molto più chiara, così come peli e capelli che però saranno decisamente più folti per ripararci dal freddo. La conclusione dello scienziato è che, non importa cosa accadrà al mondo, ma l'uomo cercherà sempre di evolversi per lottare per la sopravvivenza.

Tags

Commenti

Commenta anche tu