Un aperitivo digitale tra post verità e web

Un aperitivo digitale tra post verità e web
23 Febbraio Feb 2017 23 febbraio 2017

Le storie, le cose, le notizie, la verità e le bugie al tempo dei social network: l'appuntamento a Roma

Le storie, le cose, le notizie, la verità e le bugie al tempo dei social network. Non sono chiacchiere bizantine, perché a volte parlare di come si comunica può essere divertente. Si possono ridurre le distanze tra esperti della comunicazione e pubblico. Quel pubblico che si trova nella vita quotidiana a doversi confrontare con la veridicità delle notizie che trova sul web. Quando possiamo pensare che ciò che leggiamo sia verità. La superficialità degli utenti iscritti ai social può condizionare l’informazione? E’ questo il senso di “Aperitivo digitale”, oggi alle 19.00 in via Margutta 3 a Roma, che racconta il rapporto tra post-verità e web. Chi ne parla?

Walter Quattrociocchi, che da anni si occupa dell’analisi delle teorie del complotto, di informazioni false e di come queste si propagano sulla Rete. Per farlo, lui e il suo team si servono di sistemi matematici innovativi e strumenti della scienza sociale computazionale. Riccardo Capecchi, segretario generale di Agcom, l’autorità per le garanzie nella comunicazione e Gennaro Migliore, sottosegretario al Ministero della Giustizia nel governo Gentiloni. Loro i protagonisti dell’appuntamento di questa sera. Dopo il primo incontro si ripete a Roma nella splendida cornice dell’IQOS, sistema rivoluzionario sviluppato da Philips MorrisInternational che scalda e non brucia il tabacco, emettendo un aerosol senza combustione fumo o cenere, il dibattito che affronta il rapporto tra social media, comunicazione e informazione. Luca Ferlaino, socialcom, moderatore e ideatore degli incontri, vuole sfruttare questi “aperitivi social” per lanciare il convegno che si terrà alla Camera dei Deputati.

Il nuovo convegno #SocialCom, giunto alla sua quarta edizione, si terrà il 9 e 10 maggio e come nelle precedenti edizioni – che hanno raggiunto complessivamente 60.000.000 di utenti - vedrà la partecipazione di leader politici, rappresentanti istituzionali (ministri e parlamentari), giornalisti (dei principali giornali nazionali come L'Espresso, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Il Sole 24 Ore), manager d'Azienda (hanno già partecipato manager di Edison, Eni, Tim, Samsung, etc) e importanti comunicatori (blogger, influencer, management dei principali social network).

Un'occasione quindi questa degli aperitivi di incontro con gli utenti che potranno approfittare delle nozioni di esperti in un contesto difficilmente replicabile.

Gli altri aperitivi da non perdere:

02/03 “Patrimonio culturale”: l’uso dei social per eliminare confini e intermediazioni”. Dibattito sull’utilizzo e le opportunità che il digital offre al sistema turistico italiano e al patrimonio dei beni culturali.

21/03 “Informazione e social media”. Dibattito su giornalismo e social network, per affrontare i cambiamenti che la rete impone.

30/03 “Un errore sul web è per sempre?” Dibattito sul Diritto all’oblio.

06/04 “La comunicazione al tempo dei social network: innovazione, assenza di intermediari, immediatezza come cambia lo scenario”.

11/04 “Innovazione digitale. Quali storytelling per un Paese che vuole raccontare il futuro?

Tags

Commenti

Commenta anche tu