Mimosa: benefici, proprietà e curiosità del fiore delle donne

Mimosa: benefici, proprietà e curiosità del fiore delle donne
6 Marzo Mar 2017 18 giorni fa

Le mille virtù della pianta delle donne, tramandate dai Maya e dall'Antica Cina fino ai giorni nostri

L’8 marzo ricorre la Festa della Donna e, come vuole la tradizione, il fiore scelto per celebrare questa ricorrenza è la mimosa. Oltre essere profumatissime e a mettere di buon umore grazie al loro inconfondibile colore giallo, le mimose hanno numerosi benefici e proprietà che le rendono un ottimo rimedio naturale per la cura dei principali malesseri di stagione come la tosse e l’influenza, ma anche per le ustioni e gli stati irritativi che possono interessare la pelle.

Regalare le mimose l'8 marzo è un'usanza tipicamente italiana che ha oltre 60 anni. La scelta di questo fiore non è casuale: le sue origini risalgono al 1946 quando l'U.D.I. (Unione Donne Italiane) lo elegge a pianta-simbolo delle donne per la sua fioritura prematura, a cavallo tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, e per il fatto di essere poco costoso e facilmente reperibile.

A riconoscerne per primo le virtù si narra che sia stato però il popolo Maya, che lo utilizzava originariamente come rimedio per curare i traumi e le scottature presenti a livello cutaneo. Come insegnano le tradizioni tramandate dall’Antica Cina, dove era considerata un vero “esaltatore dell’umore”, della pianta non si butta via niente e anche la corteccia dell’arbusto è altrettanto preziosa per le sue note proprietà anti-infiammatorie: esiccata o in polvere, applicata direttamente sulla pelle o sotto forma di impacco, aiuterebbe i tessuti a rigenerarsi riducendo l’infiammazione e donando immediato sollievo.

La corteccia sarebbe inoltre un coagulante naturale del sangue, perfetto per arrestare le emorragie in corso e per disinfettare le ferite favorendo la guarigione dei tessuti attraverso la produzione di collagene ed elastina. Queste caratteristiche si rivelano utili per chi soffre di acne, brufoli o psoriasi ed è alla ricerca di un’alternativa bio ai cosmetici tradizionali, più aggressivi sulla pelle.

I benefici non finiscono qui. Ricca di minerali come rame, ferro, zinco, magnesio e manganese, la mimosa aiuterebbe anche a mantenere il sistema immunitario sano e forte, mentre il decotto preparato con la sua corteccia è un alleato efficace contro l’influenza e per allievare i sintomi provocati dalla tosse e dalla bronchite. Con le sue foglie si può infine preparare un tè che tradizionalmente veniva utilizzato per curare il mal di denti. E si soffre di stress e ansia? Niente paura perché l’olio essenziale di mimosa svolge un’azione rilassante e calmante in grado di ridurre gradualmente la velocità dei battiti cardiaci provocati dallo stato di agitazione, con benefici sull'umore e sull'eros.

Tags

Commenti

Commenta anche tu