AirPlay di Apple: come funziona

AirPlay di Apple: come funziona
7 Marzo Mar 2017 07 marzo 2017

AirPlay è il comodo servizio Apple pensato per trasmettere contenuti fra dispositivi all'interno di una rete domestica: ecco come inviare musica e video da smartphone, tablet e Mac ad Apple TV o speaker compatibili

Smartphone e tablet sono strumenti sempre più usati dai consumatori, soprattutto per la fruizione di contenuti come musica in streaming, video e molto altro ancora. La scelta di questi dispositivi, però, non sempre è ottimale in ambiente domestico: il filmato in riproduzione sul telefono, ad esempio, potrebbe essere maggiormente apprezzato approfittando del grande schermo del televisore in salotto. Fortunatamente i principali produttori di device elettronici hanno previsto dei sistemi per trasmettere, in modo istantaneo e senza configurazione alcuna, i contenuti disponibili sui device al grande display di casa. AirPlay, la tecnologia introdotta qualche anno fa da Apple per iOS, OS X e macOS, è di certo una delle soluzioni più pratiche e immediate oggi disponibili sul mercato. Con questo sistema, infatti, sarà molto semplice inviare contenuti da un dispositivo all'altro per la riproduzione dal vivo, anche di musica e video non ospitati direttamente sullo storage interno degli apparecchi, ma disponibili online per lo streaming.

AirPlay: come funziona



AirPlay è un sistema sviluppato da Apple per la trasmissione di contenuti multimediali, sia video che audio, avvalendosi di una rete wireless domestica. Il servizio è disponibile sia per le applicazioni ufficiali del gruppo che per alcune app di terze parti e, in genere, viene sfruttato per riprodurre musica e filmati sul televisore di casa o tramite altoparlanti compatibili. Il primo prerequisito è quindi quello di essere in possesso di uno strumento idoneo, quali una Apple TV di seconda generazione oppure degli speaker senza fili abilitati, nonché di un iPhone, un iPad, un iPod Touch oppure un Mac. Naturalmente, tutti questi dispositivi devono essere connessi alla medesima rete WiFi.

Il caso più frequente è quello dell'ascolto di musica tramite il proprio Mac, si tratti di contenuti salvati nella libreria iTunes o di qualsiasi altra fonte audio in uso, ad esempio lo streaming su Apple Music o Spotify. Per accedere alle funzioni di AirPlay sui Mac compatibili, è sufficiente cliccare sull'icona del volume mantenendo premuto il tasto ALT: apparirà una lista dei "Dispositivi in uscita” e basterà quindi scegliere quello su cui si desidera avviare la riproduzione, ad esempio una Apple TV. Per interrompere, si dovrà ripetere l'operazione scegliendo, questa volta, la voce "Altoparlanti Interni".

Se invece si volesse trasmettere del materiale audio o video da un iPhone, un iPad e o un iPod Touch, sarà sufficiente aprire il Centro di Controllo di iOS, scorrendo l'apposito slider dal basso verso l'alto. Dopo aver selezionato l'area AirPlay, verrà mostrata la lista dei dispositivi connessi e si potrà scegliere quello di propria preferenza per avviare la riproduzione. Si sottolinea come il servizio preveda anche la fruizione di contenuti, qualora compatibili, disponibili unicamente online e visualizzati via browser, ma anche la possibilità di attivare la "Duplicazione AirPlay”, per mostrare sul televisore collegato ad Apple TV non solo il contenuto in questione ma l'intera interfaccia di iOS. Infine, molte applicazioni di terze parti incorporano un tasto AirPlay autonomo, per avviare la riproduzione remota in modo istantaneo.

Tags

Commenti

Commenta anche tu