Chiude il Teatro Eliseo "Franceschini e Roma ci hanno tolto i fondi"

Chiude il Teatro Eliseo Franceschini e Roma ci hanno tolto i fondi
16 Marzo Mar 2017 7 giorni fa

Dell'antica gloria del teatro Eliseo, da cento anni palcoscenico dei grandi della recitazione italiana, rimangono soltanto le facce dei protagonisti che osservano i visitatori dalle pareti. L'Eliseo chiude, anche se non da subito. Il portone che dà su via Nazionale, a pochi passi dal Quirinale e da piazza Venezia, rimarrà aperto al pubblico fino a maggio, quando si terrà l'ultimo spettacolo programmato per la stagione in corso.

«Il ministero dei Beni culturali non ha mantenuto le promesse. E il Comune di Roma non ci aiuta, anzi, ci ostacola». L'attore Luca Barbareschi, da due anni direttore artistico del teatro romano che ha riaperto a sue spese dopo lo sfratto e i licenziamenti di tre anni fa, se la prende con il ministro Dario Franceschini «che avrebbe gli strumenti per salvare questo luogo di spettacolo e cultura, e invece preferisce temporeggiare. Io non ci sto più». Il principale nodo nei rapporti tra Franceschini e l'ex parlamentare del Popolo della Libertà sono i quattro milioni di euro che lo Stato avrebbe dovuto versare nelle malandate casse dell'Eliseo. I soldi, che stando a Barbareschi erano stati promessi dal governo, sarebbero stati sbloccati da un emendamento al decreto Milleproroghe, a firma del senatore del Partito Democratico Bruno Astorre. La motivazione erano i festeggiamenti per il centenario della struttura, che sarà celebrato il prossimo anno. La disposizione, che era stata approvata alla Camera, è stata stralciata dal Senato. Per andare avanti, il teatro, che è stato riconosciuto dal Mibact come struttura di riconosciuto interesse culturale, ha bisogno di quattro milioni di euro ogni anno: «E oggi ce ne arrivano soltanto 480mila dal Fondo unico per lo spettacolo. Dai biglietti riusciamo a incassare poco più di mezzo milione, e se il teatro fosse sempre pieno potremmo a malapena raddoppiarli. Anche il Comune di Roma ci fa la guerra».

Eccolo l'altro pomo della discordia. Il principale bersaglio di Barbareschi è Luca Bergamo, vice sindaco della Capitale e assessore alla Cultura: «Ci ha tolto anche i 200mila euro che ci erano stati garantiti dal commissario straordinario Tronca per portare il teatro nelle periferie. Oggi sono obbligati a versarne appena 90mila, ma fosse per loro ci lascerebbero all'asciutto».

Secca la risposta del Mibac: il ministero ha stanziato all'Eliseo oltre 1,2 milioni di euro in due anni. «Si tratta dello stanziamento in assoluto più consistente fra i 13 progetti speciali approvati nel 2016».

Commenti

Commenta anche tu