Salute, l'Italia è la prima al mondo: merito della dieta mediterranea

Salute, l'Italia è la prima al mondo: merito della dieta mediterranea
20 Marzo Mar 2017 8 giorni fa

Primo posto nel Global Health Index. Non abbiamo nulla da farci insegnare

Per quanto riguarda la salute l'Italia docet: siamo i più sani del pianeta.

Con un punteggio di ben 93,11 su 100, lo stivale si aggiudica il primo posto nella classifica sulla salute pubblicata da Bloomberg, il "Global Health Index". 163 i Paesi analizzati sulla base di una serie di fattori come la durata media della vita, la nutrizione, la salute mentale e i fattori di rischio (ad esempio il tabagismo o la pressione sanguigna).

In Italia, i neonati di oggi possono contare su un'aspettativa di vita che supera gli 80 anni. Fanalino di coda su questo parametro è il Sierra Leone con un'aspettativa di vita che non supera i 52 anni.

Quella degli italiani, però, non è solo una vita longeva, ma anche di qualità. Su questo fronte, infatti, passiamo davanti a altre nazioni note per la loro longevità, come l'Islanda, al secondo posto con 91,21 punti, Singapore con 90,23 punti, la Spagna al sesto posto con 89,19 punti, il Giappone a 89,15 e la Svezia, ferma a 88,92.

Anche per quanto riguarda il benessere psicofisico, l'Italia supera altri Paesi più ricchi come la Germania, al 16esimo posto, e gli Stati Uniti, scesi al 34esimo posto a causa del tasso di obesità tra i più alti del pianeta.

Una classifica in cui salute dei cittadini e reddito pro-capite sono strettamente legate: le prime venti posizioni, infatti, sono occupate da Paesi che fanno parte del gruppo Ocse, a eccezione di Cipro e Singapore. Il denaro, tuttavia, non è tutto, come ricorda anche un vecchio adagio. Perché la ricchezza si trasformi in salute servono fattori culturali come l'attenzione per il cibo o l'abitudine a praticare attività fisica.

E su quel fronte l'Italia può fare scuola. Tutto merito della dieta mediterranea, giudicata l'ingrediente principale della nostra salute di ferro.

Tags

Commenti

Commenta anche tu