Rossa o Frecce? Il motore deciderà la sfida

Rossa o Frecce? Il motore deciderà la sfida
21 Marzo Mar 2017 5 giorni fa

Tecnicamente, esistono buone possibilità di valutazione, per il confronto di vertice a Melbourne, in tema di autotelai, ma non in fatto di motori, perché sono mancate indicazioni complete da parte della British-Mercedes nei tests invernali di Barcellona. La Stella a tre punte si è nascosta, pur facendo sapere che era impegnata in un collaudo a fondo della nuova versione del proprio V6, perfezionato prevalentemente nel manovellismo. Al contrario, i progressi della Ferrari sono stati molto chiari, sia per l'efficacia di telaio, sia per l'incremento di potenza del motore. E sulla stessa linea si possono considerare i notevoli passi avanti della Renault. Per fare luce sul caso-Mercedes, tuttavia, sono subentrati riscontri paralleli, nei tempi parziali, con estensioni o estrapolazioni, che danno molta certezza: sarà ancora il motore più potente d'inizio stagione, ormai alla soglia dei mille cavalli. Pochi in più del diretto avversario di Maranello ed è evidente che il confronto sarà molto serrato. Quindi, deciderà la resa complessiva della macchina, che sembra molto alta per una Mercedes tanto progredita nelle geometrie e nei cinematismi delle sospensioni, oggi che si devono affrontare le caratteristiche nuove delle gomme molto allargate. E la sorpresa del grande passo avanti della Ferrari in fatto di telaio finisce per riportare la contesa sul piano motoristico. Quanto alla terza forza della Renault, in grande ascesa durante le sperimentazioni di Barcellona, il passo potrà essere brevissimo, se appena le sorprendenti mappature di Illien sulla versione TH potranno estendersi al sei cilindri della vettura ufficiale, proprio ai livelli della Rbr. E, perché no, anche sulla Str, che pure si è rinforzata in materia di telaio. Una contesa tecnica appassionante, tutta da verificare.

Commenti

Commenta anche tu