Primavera: come dire addio a stress e stanchezza

Primavera: come dire addio a stress e stanchezza
31 Marzo Mar 2017 31 marzo 2017

Con il ritorno della Primavera fanno capolino stress e stanchezza, influendo negativamente sul benessere fisico e mentale. Ecco i metodi più semplici ed efficaci per ritrovare l'armonia

L’arrivo della primavera è ogni anno foriera di affaticamento e sonnolenza. A volte neanche i rimedi più comuni e indicati per il periodo riescono a fare la differenza, creando così in chi è particolarmente soggetto alla stanchezza da cambio di stagione malumori e nervosismo.

Effettuando però alcuni piccoli cambiamenti nella propria routine quotidiana è possibile limitare i danni della primavera, riportando il corpo e la mente al benessere ottimale.

Prima di tutto, se il fisico chiede riposo bisogna accontentarlo: meglio dunque ritagliarsi il tempo per un sonno più lungo e riposante; anche il relax dopo una lunga giornata è da non sottovalutare, risultando un ottimo metodo per liberare la mente da pensieri e preoccupazioni precedentemente accumulate e ritrovare il pensiero positivo. In più, se il tempo è poco, imparare a dire di no può togliere da situazioni opprimenti e faticose: ecco perché è importante rispondere negativamente quando lo stress è alle stelle.

Primavera significa rinascita ma anche movimento e, perché no, relax: l’attività fisica, anche solo moderata, aiuta a riattivare il metabolismo rallentato durante i mesi invernali e a dare una sferzata di vitalità alla circolazione sanguigna, oltre a ritrovare la forma dopo l’inverno. Ecco che camminate quotidiane, esercizi di stretching e altre attività di moderata intensità fanno la differenza, migliorando anche l’ossigenazione del corpo intero.

Anche l’alimentazione può essere di grande aiuto, riportando ai livelli ottimali le riserve di minerali e vitamine di cui ha bisogno l’organismo durante questo particolare periodo dell’anno. Frutta e verdura non devono mai mancare durante i pasti, insieme all’acqua che se bevuta in quantità corrette aiuta a reintegrare la perdita fisiologica di liquidi.

Tags

Commenti

Commenta anche tu