Le bonifiche venete preferiscono Malta

15 Aprile Apr 2017 15 aprile 2017

Sfa ha debuttato in Borsa a La Valletta per crescere all'estero

Sorpresa: la prima società in Europa ammessa al mercato «Prospects» lanciato lo scorso anno dal Malta Stock Exchange, è italiana. Si chiama Sfa, ha sede in provincia di Venezia ed è attiva nel settore dello smaltimento di amianto friabile e delle bonifiche ambientali.

Il nuovo listino maltese è stato creato per facilitare il reperimento di capitale di rischio e di capitale di debito per le piccole e medie imprese europee. Praticamente l'equivalente del segmento Aim di Borsa Italiana. Ma perchè scegliere di quotarsi in place Castilla a La Valletta, anziché in Piazza Affari a Milano? «Lo strumento maltese è tagliato su misura per imprese medio piccole con una spiccata vocazione internazionale e consente un canale alternativo al sistema bancario nel reperimento di risorse finanziarie finalizzate al sostegno dello sviluppo del business», spiegano dall'azienda ricordando che l'ultima commessa presa da Sfa per un valore di 2 milioni è lo smantellamento di alcuni impianti dal principale gestore di energia elettrica in Algeria e aggiungendo che rispetto all'Aim i costi sono assai più ridotti. La quotazione di Sfa è stata presentata come case history nel corso di due seminari promossi con il patrocinio di Confindustria Padova e Confindustria Romagna ai quali ha partecipato anche Malta Stock Exchange.

Nata nel 1992 come Società Ferroviaria Adriatica per intervenire nel settore delle bonifiche delle carrozze ferroviarie contaminate da amianto, oggi Sfa è controllata dalla Qualità e Servizi di Bergamo, ha 20 dipendenti e un fatturato di circa 3 milioni. Con la quotazione, la spa veneta presieduta da Maurizio Mazzucco punta a farlo salire fino a 5 milioni entro il 2019 riduce la dipendenza dal sistema bancario. Per sbarcare sul Prospects sono serviti tre mesi fra predisposizione del piano strategico, adeguamenti statutari, analisi dei rischi, l'attività di due diligence e di verifica sulla corporate governance e, infine, la procedura di ammissione.

CC

Commenti

Commenta anche tu