"Non rappresenta veri partigiani". Ebrei e Pd assenti al corteo dell'Anpi

Non rappresenta veri partigiani. Ebrei e Pd assenti al corteo dell'Anpi
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
19 Aprile Apr 2017 19 aprile 2017

Due manifestazioni separtate dopo le polemiche. La comunità ebraica volta le spalle all'Anpi. Anche il Pd diserterà il corteo del 25 aprile

"L'Anpi non rappresenta i veri partigiani". Copn queste parole la comunità ebraica di Roma chiude alla possibilità di partecipare al corteo del 25 aprile. "L'Anpi che paragona la Comunità Ebraica di Roma a una comunità straniera è fuori dalla storia e non rappresenta più i veri partigiani - tuona la presidente della comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello - oggi c'è bisogno di celebrare questa giornata senza faziosità e senza ambiguità". A disertare la marcia dell'associazione dei partigiani non saranno soltanto gli ebrei romani. Anche il Partito democratico ha deciso di dare un segnale netto. "È diventato un elemento di divisione e non più di unione della città intorno ai valori della resistenza e dell'antifascismo - ha detto il presidente dem Matteo Orfini - non ci saremo".

Si preannuncia un 25 aprile di divisioni. Lo scontro ormai non può più essere ricucito. Nel 72° anniversario della Festa della Liberazione, infatti, la comunità ebraica di Roma e l'Unione delle comunità ebraiche italiane si riuniranno in via Balbo, di fronte all'allora sede della Brigata Ebraica, per "celebrare la liberazione d'Italia dal nazifascismo da parte delle forze partigiane e dei Paesi Alleati". "La Brigata Ebraica - si legge ancora nel comunicato - fu un corpo militare inquadrato nell'esercito inglese composto da ebrei che vivevano nelle colonie sotto il mandato britannico nell'odierna Israele". "A causa dell'impossibilità di partecipare al corteo del 25 Aprile a seguito della scelta dell'Anpi Roma di cancellare la storia e far sfilare gli eredi del Gran Mufti di Gerusalemme che si alleò con Hitler con le proprie bandiere e delle ripetute aggressioni, avvenute negli anni passati, ai danni dei rappresentanti della Brigata Ebraica - conclude - il mondo ebraico ha deciso di organizzare una propria manifestazione per onorare la storia della Resistenza italiana e del contributo ebraico alla Liberazione".

Tags

Commenti

Commenta anche tu