Usa, il più grande scandalo giudiziario: 21mila condannati per errore

Usa, il più grande scandalo giudiziario: 21mila condannati per errore
19 Aprile Apr 2017 6 giorni fa

Dopo una lunghissima battaglia legale, per più di 21mila condannati per reati di droga arriva il lieto fine

Nello stato del Massachusetts circa 21mila condannati per reati di droga, dopo una lunghissima battaglia legale, potrebbero esser prosciolti da ogni accusa. Dietro al più grande scandalo giudiziario mai avvenuto negli Stati Uniti c’è una donna: Annie Dookhan, una ex tecnico di laboratorio già condannata per aver inquinato, per quasi 10 anni, prove ed esami tossicologici.

La Dookhan era una dipendente dell’Hinton State Laboratory Institute, con sede a Boston. Qui, la donna, ha iniziato a manipolare i risultati dei test – incastrando così migliaia di indagati – dal 2004. Solo nel 2011 Annie ha attirato l’attenzione dei colleghi che l’hanno finalmente denunciata. Giudicata colpevole di intralcio alla giustizia e falsità ideologica, nel 2013, è stata condannata a tre anni di carcere, dallo scorso anno è libera.

“Oggi è una grande vittoria per la giustizia e l’equità, e per migliaia di persone ingiustamente condannate per reati di droga”, ha dichiarato Matthew Segal, direttore dell’American Civil Liberties Union (Aclu) del Massachusetts, annunciando l’atteso annullamento delle condanne – che ha coinvolto ben sette contee del Massachusetts – per domani.

Il numero di procedimenti potenzialmente inquinati dalla donna, che ha lavorato a 40mila casi, era così vasto che ci sono voluti degli anni prima di venirne a capo. I procuratori distrettuali hanno così passato al setaccio migliaia di casi arrivando a chiedere l’annullamento per quasi la metà di quelli esaminati, mentre qualche centinaio verrà nuovamente ridiscusso. Ma per i difensori delle vittime “ormai il danno è fatto”, sono passati cinque anni da quando sono scattate le manette ai polsi della Dookhan e “la giustizia intempestiva resta sempre una giustizia negata”, hanno osservato.

Il movente che ha spinto la donna, originaria di Trinidad, resta ancora incerto. I colleghi l’hanno descritta come una stakanovista, una che ci teneva a far buona impressione con i suoi responsabili. Forse sta proprio nell’eccesso di zelo il nodo della sua condotta criminale.

Stando ai dati in possesso della National Association of Criminal Defense Lawyers, il caso Dookhan non è l’unico. In un altro laboratorio del Massachusetts, infatti, sembra si sia verificato uno scandalo analogo. Stavolta si tratterebbe di un uomo che ha ammesso di aver fatto uso di droghe sul posto di lavoro: anche in questo caso sono migliaia le condanne che rischiano di cadere.

Ma il precedente più famoso è avvenuto ad Oklahoma City dove le falisificazioni di Joyce Gilchrist, impiegato anche lui in un laboratorio di analisi, hanno portato alla condanna capitale per ventitré persone, undici delle quali sono state giustiziate.

Tags

Commenti

Commenta anche tu