Da Charlie al Bataclan, due anni di sangue

Da Charlie al Bataclan, due anni di sangue
21 Aprile Apr 2017 9 giorni fa

Sono 233 le vittime degli attacchi: l'escalation iniziata nel gennaio del 2015

Sotto la presidenza di François Hollande la Francia è piombata nel mirino dichiarato del terrorismo ed ha subito numerosi attentati che hanno causato 233 morti in totale. Un'ecatombe.

Questa terribile escalation ebbe inizio il 7 gennaio 2015 quando i fratelli Kouachi, francesi di origine algerina, fecero irruzione nella sede del settimanale satirico Charlie Hebdo noto per le vignette su Maometto e uccisero 12 persone. Ne seguì una caccia all'uomo, che si concluse solo il 9 gennaio con la loro uccisione in un raid delle forze speciali francesi dopo che i fratelli si barricarono in una tipografia a Dammartin en Goele. Intanto anche Amedy Coulibaly fece delle vittime: il giovane l'8 gennaio uccise una poliziotta a Montrouge, vicino Parigi, e poi il 9 gennaio si barricò nel supermercato Hypercacher di Porte de Vincennes a Parigi, prendendo degli ostaggi. Il bilancio della crisi degli ostaggi al supermercato fu di quattro morti e anche Coulibaly fu ucciso. Gli attacchi dei fratelli Kouachi e di Coulibaly erano legati: il giovane chiese infatti la liberazione dei fratelli in cambio del rilascio degli ostaggi dell'Hypercacher.

La sera del 13 novembre del 2015 una serie senza precedenti di attentati provoca almeno 129 morti e altri 350 feriti a Parigi. I terroristi colpiscono sei diverse zone della città il venerdì sera: fra queste lo Stade de France, dove era in corso l'amichevole di calcio Francia-Germania, e ristoranti e bar nel decimo e nell'undicesimo arrondissement. Il maggior numero di morti, 89, viene registrato nella sala concerti Bataclan, sold out per il concerto del gruppo rock americano «Eagles of death metal». Il 14 novembre l'Isis rivendica l'attentato.

Il 14 luglio a Nizza un camion travolge la folla che si allontanava dopo i fuochi d'artificio dei festeggiamenti della festa della Repubblica lungo la Promenade des Anglais, causando 86 morti. Alla guida del camion c'era il tunisino Mohamed Lahouaiej Bouhlel, di origini tunisine e che abitava a Nizza, ucciso dagli agenti nel tentativo di fermare la sua corsa sulla Promenade.

Il 26 luglio del 2016 due assalitori entrano durante la messa mattutina nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, vicino Rouen, e sgozzano padre Hamel mentre celebra. I due, Adel Kermiche e Abdel Malik Petitjean, vengono poi uccisi in un'operazione delle forze di sicurezza.

Il 3 febbraio del 2017 un 29enne egiziano, poi identificato come Abdallah el Hamahmy, armato di machete attacca dei soldati nei pressi del Louvre, ferendo un militare, al grido di «Allah è grande».

Commenti

Commenta anche tu