Rovigo, nonnina accoltella il marito alla gola poi tenta il suicidia

Rovigo, nonnina accoltella il marito alla gola poi tenta il suicidia
19 Maggio Mag 2017 19 maggio 2017

Grave episodio di cronaca in provincia di Rovigo: una donna di 83 anni ha accoltellato alla gola l'anziano marito, poi ha tentato il suicidio ingerendo della candeggina

Prima ha piantato un coltello da cucina nella bocca del marito. Poi, pentita, ha tentato di uccidersi ingerendo della candeggina. Una donna di 83 anni di Porto Viro, in provincia di Rovigo, si è resa protagonista di un episodio di cronaca che ha sconvolto la città sul delta del Po.

Erano le 7,15 di mercoledì mattina quando la signora Pasquina Pregnolato, pensionata dopo una vita da operaia, ha piantato un coltello da cucina nella bocca del marito 81enne, provocandogli gravi lesioni alla gola e al palato.

A scoprire il fatto è stato il figlio della coppia Rossano, arrivato a casa pochi minuti dopo l'aggressione per assistere il padre come faceva ogni giorno. Quindi ha accompagnato all'ospedale il genitore ferito, che è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico.

La donna invece, sotto indagine per tentato omicidio con l'aggravante di aver approfittato dei problemi di salute del coniuge, dopo essere stata interrogata dai carabinieri è ritornata a casa. Qui, probabilmente assalita dai sensi di colpa per il gesto di violenza, ha tentato di togliersi la vita ingerendo della candeggina durante il pomeriggio. Subito trasportata al pronto soccorso, si trova ancora in ospedale ma non è in gravi condizioni.

Tags

Commenti

Commenta anche tu