"Ecco perché l'islam è una dittatura"

Ecco perché l'islam è una dittatura
21 Maggio Mag 2017 21 maggio 2017

L'autore best seller, l'egiziano Abdel-Samad, denuncia: "I moderati non esistono". E accusa: "La vostra società consente ai fanatici di radicarsi"

La vocazione totalitaria dell'Islam spiegata, senza peli sulla lingua, attraverso le categorie del 900. Questo azzardo fattosi best-seller è costato caro all'autore, l'egiziano Hamed Abdel-Samad, 42 anni ed una fatwa che lo insegue da quando tenne un discorso a Il Cairo definendo, per la prima volta, la «malattia» di cui l'Islam è affetto come «Fascismo Islamico» (Garzanti). Hamed, oggi, si sposta per l'Europa assieme alla scorta per raccontare la sua «eresia»: «L'Islam moderato non esiste».

Perché «fascismo islamico»?

«In effetti bisognerebbe parlare di totalitarismo islamico: ovunque fascisti, comunisti e islamisti abbiano preso il potere, le società sono diventate prigioni a cielo aperto».

Su di lei «pesa» una fatwa.

«Significa che nei miei confronti è stata emessa una condanna di morte e che ogni musulmano credente ha il diritto di uccidermi. I jihadisti tedeschi hanno cercato di assassinarmi, da allora vivo sotto scorta».

Si aspettava una simile accoglienza?

«Ho abbandonando l'Egitto sperando di poter vivere e pensare in libertà: invece, mi sono ritrovato in una società che, in nome della tolleranza, consente ai fanatici di fare proselitismo e radicarsi».

Come vive un sorvegliato speciale?

«Non vive».

La «lezione» delle primavere arabe non è un'altra?

«Le primavere arabe, come un terremoto, hanno messo in luce le crepe di un mondo. O si decide di abbattere la casa e ricostruirla nuova, oppure si dà una semplice ritinteggiata. Far cadere un leader e sostituirlo con un altro, se non c'è un cambio di mentalità, non ha senso».

Perché l'Islam moderato non esiste?

«Parto da una premessa: ci sono dei musulmani moderati, ma non sono tali grazie all'Islam, semmai a dispetto di questo. L'Islam come entità politica, invece, sfocia sempre nella dittatura. Il termine Islam moderato è un'invenzione degli occidentali: coniato soprattutto a beneficio di Erdogan che, salito al potere, ha iniziato ad imporre leggi dal sapore islamista».

Lei è stato ribattezzato il Saviano d'Egitto. Lo sa che con le sue teorie rischia l'accusa di islamofobia?

«Sì. Ma la parola fobia significa paura senza una spiegazione. Se osserviamo quel che accade oggi, invece, i motivi per guardare all'Islam con diffidenza sono tantissimi. In Germania dicono che il mio libro è un'istigazione alla violenza, ma il mio libro non ha ucciso nessuno, mentre, quotidianamente, vedo persone morire in nome del Corano».

A due anni dalla strage di Charlie Hebdo continua a scorrere sangue innocente. Dove abbiamo sbagliato?

«Nel considerare l'Islam alla stregua di qualsiasi altra religione, nel chiudere un occhio di fronte alla sua connotazione totalitaria, dando più attenzione ai sentimenti dei musulmani che ai principi fondanti dell'Europa.

Commenti

Commenta anche tu