Il M5s correva in 225 centri ma ne ha vinti appena due

Il M5s correva in 225 centri ma ne ha vinti appena due
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
13 Giugno Giu 2017 13 giugno 2017

Grillini presenti ovunque: al ballottaggio in otto Comuni. Si riconferma a Sarego e prende Parzanica: 375 anime

Sarego e Parzanica. Le uniche due bandierine, in provincia di Vicenza e nella Bergamasca, piantate dal Movimento Cinque Stelle alle elezioni amministrative di domenica sono il simbolo dell'ultimo paradosso grillino. Quello della «forza politica più presente a questa tornata elettorale», come scrive lo stesso Beppe Grillo sul suo blog. Ma a bocca asciutta. Sono ben 225 le liste col marchio M5s presentate in tutta Italia, per soli due sindaci eletti al primo turno e 8 ballottaggi su 140. Il palcoscenico delle città più importanti, stavolta, è lasciato tutto ai due blocchi di centrodestra e centrosinistra. Niente Genova, Palermo, Verona o Parma. Nel capoluogo ligure Luca Pirondini, sponsorizzato da Grillo e dalla consigliera regionale Alice Salvatore, si ferma al 18%. E pesano le divisioni e le epurazioni. L'ex volto storico del Movimento genovese Paolo Putti si aggiudica il 4% con la sua civica «Chiamami Genova». Mentre la candidata esclusa Marika Cassimatis raccoglie solo 2300 voti. A Palermo Ugo Forello è al 16,3%, ma il leader M5s si consola così: «Però lì siamo la prima lista». Il caso emblematico della débâcle è Parma. Nella città emiliana l'ex grillino Federico Pizzarotti si presenta in testa al ballottaggio, conquistando quasi il 35%. L'avversario sarà Paolo Scarpa del centrosinistra. Al Movimento Cinque Stelle rimangono le briciole, con Daniele Ghirarduzzi che non riesce ad andare oltre il 3% in quella che Beppe Grillo aveva definito nel 2012 «la nostra Stalingrado». M5S fuori anche a Verona, il consigliere comunale uscente Alessandro Gennari si ferma al 9%.

I grillini contavano di arrivare «in finale» almeno a Taranto, città dell'Ilva. Invece si devono accontentare di un misero 10%. Sorpassati di qualche voto anche dalla Lega d'Azione Meridionale di Mario Cito, figlio di Giancarlo, sindaco negli anni '90. Restano i ballottaggi in 8 città minori: Fabriano, in provincia di Ancona, Ardea e Guidonia nell'hinterland romano, Canosa, Santeramo in Colle e Mottola in Puglia, Acqui Terme in provincia di Alessandria e infine Scordia nel catanese. Delusione ad Asti dove ci si è messa di mezzo pure la sfortuna. Il candidato dei Cinque Stelle Massimo Cerruti non è arrivato al ballottaggio per 13 voti in meno rispetto ad Angela Motta del Pd. L'esponente dem sfiderà Maurizio Rasero del centrodestra. Altri due casi esemplari sono quelli di Comacchio e Mira. Nel comune in provincia di Ferrara il sindaco uscente Marco Fabbri, eletto nel M5S e poi fuoriuscito, si riconferma al primo turno con poco più del 50%. Pizzarotti insegna. Mira, in provincia di Venezia, un'altra delle «Stalingrado grilline» del 2012, è stata spodestata. La cittadina lagunare è stata una delle prime conquistate dal Movimento Cinque Stelle con il sindaco Alvise Maniero, che ha preferito non ricandidarsi per tentare la scalata al Parlamento nazionale. Così è stata scelta Elisa Benato, giunta terza dietro i candidati di centrodestra e centrosinistra. Grillo però si consola con Sarego e Parzanica. Roberto Castiglion si conferma a Sarego, 6700 anime in provincia di Vicenza, l'unica «Stalingrado» che resiste. E la novità arriva da Parzanica, paese di 375 abitanti nella Bergamasca. Vince il geometra in pensione Antonio Ferrari. Con tanto di complimenti dal blog di Grillo e endorsement su Facebook del senatore Vito Crimi: «Parzanica, piccolo comune bergamasco, meno di 400 abitanti e un Sindaco 5 Stelle». Pochi ma buoni.

Tags

Commenti

Commenta anche tu