«Gli atti concreti sono a favore dei poteri forti»

18 Giugno Giu 2017 10 giorni fa

Basilio Rizzo (Milano in Comune), un anno fa ha sfidato Sala ed è rimasto a fare opposizione. Con un apparentamento forse a quest'ora era in giunta. Pentito?

«Siamo assolutamente su un'altra lunghezza d'onda. Tutti sanno che se avessi accettato un accordo avremmo avuto ad esempio più posti in consiglio, ma sono abituato a fare politica con altri criteri. E non sono pentito».

Che idea si è fatto dai primi dodici mesi di giunta?

«Su alcune partite devo dire che Sala si è dimostrato molto più attento e sensibile anche rispetto alla precedente giunta Pisapia, penso al rapporto con l'Anpi e alle prese di distanza dalle provocazioni antifasciste o al rapporto con i lavoratori del Comune. Sull'attenzione alla casa, bene le parole poi aspettiamo i fatti. Mi è sembrato un sindaco a due facce».

In che senso?

«C'è quello che scopre alcuni temi sociali e promette risposte, e quello attento più a sistemare partite che interessano i poteri forti, basta vedere i rapporti con Fs sugli ex scali o l'ipotesi di vendere azioni d A2a. E mi sembra che siano più concreti e veloci gli atti amministrativi a vantaggio di una certa parte della società che non quelli mirati ai bisognosi. Penso che vedremo prima l'accordo sugli scali a vantaggio di Fs e gruppi immobiliari che più case popolari».

C'è qualcuno che ha lavorato meglio o peggio nella giunta?

«Alla importante manifestazione del 20 maggio per i migranti Pierfrancesco Majorino è stato il coprotagonista. Quando parlo di interessi forti, mi sembra che l'assessore forte sia quello al Bilancio Roberto Tasca. E parlando di conti dico che le prediche del sindaco sono importanti, fanno opinione, ma poi vedo che gli atti vanno in un'altra direzione. Tante parole su una risposta a chi ha bisogno e poi introducono in Bilancio la tassa di iscrizione da 52 euro negli asili e aumentano i centri estivi».

Che voto merita Sala?

«Ho fatto l'insegnante e non bocciavo mai nessuno, ho la tendenza ad aiutare quelli che fanno fatica. Non ho mai usato i 3 e i 4, diamogli un 5/6 di incoraggiamento».

ChiCa

Commenti

Commenta anche tu