Vicenza, per evitare l'espulsione marocchino ingoia una lametta

Vicenza, per evitare l'espulsione marocchino ingoia una lametta
19 Giugno Giu 2017 19 giugno 2017

Un 22enne marocchino, detenuto in carcere a Vicenza, ha ingoiato una lametta da barba per evitare di essere rispedito nel suo Paese

Per evitare di essere espulso dall'Italia, un marocchino di 22 anni detenuto nel carcere di San Pio X di Vicenza ha ingoiato una lametta.

L'uomo, senza documenti e privo di permesso di soggiorno, è ritenuto dalle forze dell’ordine un soggetto pericoloso. In carcere, alla vista degli agenti arrivati per prelevarlo e condurlo a Brindisi, in un centro di smistamento da cui poi sarebbe stato messo su un aereo per il Marocco, ha ingoiato una lametta da barba.

Gli agenti lo hanno così condotto all’ospedale San Bortolo, nel reparto di otorinolaringoiatria per un intervento d’urgenza. Il medico Riccardo D’Eredità ha individuato la lametta conficcata dietro l’ipofaringe, nella parte bassa della gola e l'ha estratta con una pinza da sala operatoria. Per accertare possibili lesioni in gola il medico ha ordinato una radiografia, che il 22enne ha rifiutato: così è stato portato fuori dall’ospedale dalla polizia per essere accompagnato all’aeroporto di Brindisi ma ha iniziato ad agitarsi e, con calci e pugni, ha danneggiando l’interno della volante.

Per il momento è stato trasferito in un centro a Torino.

Tags

Commenti

Commenta anche tu