Raiola dopo il Milan ha spazientito persino la Nazionale

Raiola dopo il Milan ha spazientito persino la Nazionale
20 Giugno Giu 2017 20 giugno 2017

Figc scocciata per le frasi di Mino sulla sicurezza E il ct Ventura: «Una telenovela che deve finire»

È solo uno spiraglio aperto. Improbabile che diventi un portone attraverso il quale Gigio Donnarumma possa tornare alla casa del padre calcistico e rimettere al centro del villaggio gli affetti e l'amore del suo popolo sceso sul sentiero di guerra. L'ha tenuto furbescamente aperto Raiola nella sua conferenza a reti televisive unificate, l'ha trasformato in un messaggio ai litiganti («pronti ad accoglierlo a braccia aperte») Marco Fassone confermando l'indiscrezione de il Giornale del giorno prima. Ma si tratta appunto di uno spiraglio e niente più. Che in molti hanno provato a trasformare in un passaggio più spazioso. A cominciare da Christian Abbiati che ieri ha dato inizio alla sua attività di club manager intervenendo al fianco di Fassone a un incontro con media e scuole-calcio. «Nella mia carriera non mi sono mai lasciato influenzare dal procuratore» la prima perla. E chiosando l'episodio degli striscioni e dei dollari falsi lanciati nella porta di Gigio ha ricordato quando è toccata a lui la contestazione: «Un portiere deve riuscire a estraniarsi». Da ieri il Milan ha scelto Abbiati appunto e l'allenatore dei portieri, Alfredo Magni (viene considerato uno dei più bravi del settore) come ufficiali di collegamento con Donnarumma impegnato in Polonia con l'under 21. Sono loro che hanno fatto intendere al portiere, nel corso di qualche sms, che è possibile ancora ricucire lo strappo.

Sulla scia del club si sono mossi anche i tifosi. Gli autori del clamoroso gesto di Cracovia, il Milan club di Varsavia guidato da Roman Sidorowicz, sono intervenuti in una diretta radiofonica per spiegare il folle gesto, per chiedere espressamente a Donnarumma di mettere per una volta la faccia invece di lasciare campo al suo agente, e per annunciare possibili altre proteste. Così come ha fatto la curva con un comunicato segnalando che il famoso striscione citato da Raiola «era contro il procuratore e non il giocatore» e invitandolo a chiudere il rapporto con Mino. In ritiro con gli azzurrini di Di Biagio Donnarumma ha vissuto e continua a vivere, a dispetto dei sorrisi forzati, ore di grande tensione. Il suo account Instagram, dove ha postato la foto del successo sulla Danimarca, è stato preso d'assalto da milanisti disposti al perdono («torna e ti applaudiremo ancora») oppure pasdaran del tradimento insopportabile. Perciò nel dibattito, che si è fatto rovente come una tribuna politica elettorale, è intervenuto anche Gian Piero Ventura, il ct della nazionale maggiore che vorrebbe evitare un contenzioso tra il portiere e il Milan e ha espresso l'auspicio «che questa telenovela possa finire presto». Come dire: dentro (il Milan) o fuori (Real Madrid) purché si sappia bene il destino futuro per evitare che una stagione in tribuna possa precludergli il mondiale. Solo Pogba, reclutato da Raiola, ha speso una frase d'incoraggiamento per il sodale di scuderia («presto sarà il migliore, merita rispetto»).

Di sicuro le bordate di Raiola hanno provocato qualche dispetto anche in federcalcio. La sua frase («se non provvede la federazione a proteggerlo, organizzeremo noi un servizio adeguato») è stata considerata un'indebita invasione di campo. Dallo staff di Tavecchio è arrivata la bacchettata: «Il club Italia provvede alla sicurezza, non armata, degli atleti e nessuno, tanto meno il signor Raiola se non autorizzato, può entrare nel ritiro azzurro». Si è fatto vivo anche il procuratore di Conti, tirato in ballo a mo' di esempio: «Che pensi ai suoi assistiti e s'informi prima di discutere di altri tesserati» la rampogna. Ce n'è per tutti i gusti insomma. Nell'attesa che Donnarumma e la sua famiglia decidano se tornare indietro attraverso lo spiraglio oppure no, Mirabelli ha ricevuto ieri nel suo ufficio l'agente di Perin e quello di Neto. La prima resta la pista più attendibile. Secondo il ds genoano, Perin, che continua ad allenarsi da mesi, sarebbe pronto per giocare fin da settembre. L'intesa col Grifone è sempre più vicina.

Tags

Commenti

Commenta anche tu