Federer, 2017 magico: lo svizzero non vuole più fermarsi

Federer, 2017 magico: lo svizzero non vuole più fermarsi
16 Luglio Lug 2017 10 giorni fa

Federer, con Wimbledon, ha vinto il suo quinto torneo nel 2017. Il basilese ha trionfato anche agli Australian Open, a Miami, Indian Wells e Halle

Roger Federer sta confermando di essere il tennista più forte di tutti i tempi. Il fuoriclasse basilese ha vinto il suo ottavo Wimbledon strapazzando in finale il croato Marin Cilic che nulla ha potuto contro la classe, la forza mentale e l'atleticità di Re Roger che ha non ha lasciato scampo e speranze all'avversario. Federer non vinceva a Wimbledon da troppo tempo, prima di oggi la sua ultima affermazione infatti era datata 2012. Il 2017 sta regalando grandissime soddisfazioni allo svizzero che ha vinto anche gli Australian Open e i tornei di Indian Wells, Miami, Halle e appunto Wimbledon.

Federer ha deciso consapevolmente di non partecipare al Roland Garros per concentrarsi al meglio per la stagione sull'erba e questa scelta l'ha ripagato con un successo tanto atteso quanto inaspettato alla vigilia. Lo svizzero è stato agevolato dal fatto che i primi 4 giocatori del mondo siano usciti anzitempo dalla competizione: Andy Murray, Rafael Nadal e Stanislas Wawrinka infatti sono stati eliminati da avversari modesti, mentre Novak Djokovic è stato costretto ad alzare bandiera bianca ai quarti di finale contro Berdych, demolito poi dal 35enne in semifinale. Resta il fatto, però, che il classe '81 ha dimostrato di essere in forma smagliante in barba alla sua carta d'identità. Federer, ora, non vuole più fermarsi e ha messo nel mirino gli Us Open già vinti 5 volte in carriera: il basilese vuole mettere il suo sesto sigillo a Flushing Meadows e incrementare il suo bottino a livello di Tornei del Grande Slam. Il 2017 del campione elvetico resta fantastico fino a questo momento e l'eventuale successo in altri tornei renderebbe ancora più magica un'annata che partiva con un punto di domanda visto come aveva chiuso il 2016.

Tags

Commenti

Commenta anche tu