Ferrari, Vettel e Raikkonen: "La sfortuna ci perseguita"

Ferrari, Vettel e Raikkonen: La sfortuna ci perseguita
16 Luglio Lug 2017 10 giorni fa

I due piloti della Ferrari se la prendono con la jella dopo la doppia foratura nel finale del Gp di Silverstone: "La solita sfortuna non ci molla mai"

Kimi Raikkonen e Sebastien Vettel, al termine del Gran Premio di Silverstone, ce l'hanno a morte con un avversario. No, non si tratta di un pilota, ma della sfortuna, che a un paio di giri dalla fine ha riservato a entrambi i ferraristi la stessa, micidiale sorpresa: una foratura che li ha costretti a rientrare ai box per riuscire a terminare la gara e raccogliere qualche punto.

Raikkonen terzo e Vettel settimo: due piazzamenti che non bastano in virtù della doppietta Mercedes, con Hamilton che ha vinto la corsa davanti al compagno di squadra Bottas.

Dalle parole di Vettel emerge più delusione che rabbia. "Non so se sono stati dei detriti, non so qual è stato il problema", ha dichiarato a proposito della possibile causa della foratura.

E poi: "La gara è stata difficile perché i freni sulla griglia di partenza hanno preso fuoco e non avevo aderenza. Ho perso troppo tempo, sono rimasto bloccato dietro Vertsappen, poi sono riuscito a superarlo grazie al pit stop. Poi c'è stata la foratura", ha commentato con malinconia il primo pilota Ferrari.

Non è stata una gara facile per il tedesco, terminato al settimo posto a quasi un giro dal primo classificato, quel Leiws Hamilton che grazie alla vittoria di oggi va a 17a punti in classifica, uno in meno del tedesco. Che oggi, durante la gara, si è ritrovato di nuovo ad avere a che fare con il "dinamismo" Verstappen.

"Il comportamento di Max? Non sono io a dover giudicare", ha tagliato corto Vettel a proposito della battaglia ingaggiata in pista con il pilota Red Bull per sorpassarlo. Ma purtroppo per lui non c'è stato niente da fare e alla fine si è dovuto accontentare di un piazzamento di contorno.

Anche per Raikkonen, nonostante il gradino più basso del podio, non è stata una giornata memorabile. "Non sono contento ma il terzo posto è meglio di niente", ha esordito in conferenza stampa il finlandese. "Più o meno per gran parte della gara la macchina è andata bene, ma loro erano un pò piu veloci", ha detto riferendosi alle Mercedes.

"Abbiamo faticato in alcuni punti, poi c'è stata la solita situazione sfortunata che continua a seguirci. Non so perché l'anteriore sinistra continuava a perdere la copertura - ha spiegato Raikkonen - ma sono riuscito a tornare ai box velocemente. E poi anche Sebastien ha avuto lo stesso problema..." ha concluso il pilota scandinavo.

Tags

Commenti

Commenta anche tu