Foggia, accoltella due ragazzi: "Volevano fare pipì sotto casa mia"

Foggia, accoltella due ragazzi: Volevano fare pipì sotto casa mia
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
17 Luglio Lug 2017 17 luglio 2017

Non era la prima volta che i passanti facevano pipì davanti alla sua abitazione. Così, alla vista di due giovani, un foggiano di 60 anni è uscito e li ha accoltellati

Convinto che vogliano fare pipì sotto casa sua, esce e accoltella due ragazzi, di 23 e 22 anni. È accaduto nella tarda serata di domenica 16 luglio, a Monte Sant'Angelo, sul Gargano. I due giovani sono stati feriti rispettivamente all'addome e a una coscia da un 60enne del posto.

L'uomo è stato così arrestato dai carabinieri con le accuse di tentato omicidio e lesioni personali dolose e gravi. Sono stati proprio i militari dell'Arma, in servizio di pattuglia nel comune dell'Arcangelo, a notare attorno alle 23 un ragazzo disteso su una scalinata del centro, in stato di incoscienza e riverso in una pozza di sangue; poco distante, vi era un altro ragazzo, amico del primo che è riuscito a riferire ai carabinieri che poco prima un uomo li aveva colpiti con un pugnale.

Le macchie di sangue lungo la strada portavano a casa dell'arrestato. Il 60enne, alla vista dei militari, si è accusato e giustificato allo stesso tempo: "Sono stato io, ma sono stato costretto". Per accoltellare i due giovani ha utilizzato un pugnale della lunghezza complessiva di 30 cm, la cui lama misura 18 cm. I due feriti sono stati medicati in ospedale, dove uno di loro è ricoverato in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita, mentre l'altro se la caverà con una prognosi di 8 giorni e una cicatrice sulla coscia.

Tags

Commenti

Commenta anche tu