Il Comune pulisce i marciapiedi? Fdi: "Non servono squilli di tromba"

Il Comune pulisce i marciapiedi? Fdi: Non servono squilli di tromba
17 Luglio Lug 2017 9 giorni fa

Diceva un vecchio proverbio (e vale ancora) che «chi si loda si imbroda...». Ed è un po' il caso dell'ultima polemica tra Palazzo marino e opposizione sulla pulizia dei marciapiedi.

«Squadre di Amsa al lavoro nei quartieri Adriano, Cascina Monluè, Ponte Lambro, Ronchetto sul Naviglio e San Siro- spiega un comunicato del Comune- per la sedicesima domenica di pulizie straordinarie di primavera. Oltre alle attività di spazzamento, Amsa e Comune hanno pianificato interventi straordinari sui marciapiedi infestati da piante. Il diserbo straordinario è stato organizzato anche a causa delle condizioni meteorologiche delle ultime settimane che hanno favorito la rapida crescita delle piante infestanti nelle vie di Milano. Per questa attività, a partire da quest'anno Amsa non utilizza più alcun prodotto chimico. L'attività viene effettuata esclusivamente in maniera meccanizzata per un impatto zero sull'ambiente...».

Ottimo lavoro verrebbe da dire. Se non che pare abbastanza normale che il Comune provveda a pulire strade e marciapiedi. Così funziona in quasi tutte le città senza bisogno però, fa capire l'opposizione, di sperticarsi in lodi autoreferenziali. «Nel bel mezzo di una calda domenica di luglio apprendiamo che per il Comune ed Amsa l'ordinaria attività di pulizia e manutenzione di verde e marciapiedi diventa straordinaria- attacca l'ex vicesindaco e oggi capogruppo di Fdi in Regione, Riccardo De Corato- Così, leggiamo che l'assessore Granelli si pavoneggia per una serie di interventi straordinari sui marciapiedi infestati da piante. Francamente, vorremmo capire com'è possibile che il servizio di cura del verde assegnato ad Amsa possa essere considerato eccezionale quando fino a ieri, ed ai tempi delle Amministrazioni di centrodestra, questo genere di attività rientrava nella prassi quotidiana. Che non aveva bisogno di alcuno squillo di tromba».

Commenti

Commenta anche tu