Ius soli, il governo perde pezzi: "Costa già pronto a dimettersi"

Ius soli, il governo perde pezzi: Costa già pronto a dimettersi
17 Luglio Lug 2017 17 luglio 2017

Dopo le tensioni sullo ius soli il ministro per gli Affari regionali Enrico Costa verso le dimissioni per creare un nuovo centro. Brunetta: "Forza Italia torna attrattiva"

Il governo Gentiloni rischia di perdere pezzi. Infatti, il ministro per gli Affari regionali con delega alla famiglia, Enrico Costa, sarebbe pronto a dimettersi.

A pesare sulla decisione sarebbero soprattutto le tensioni anche interne alla maggioranza sullo ius soli, ma anche la riforma penale voluta dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando, e il nuovo codice antimafia.

L'idea, spiega oggi il Messaggero, sarebbe quella di uscire anche da Alternativa popolare e creare un nuovo soggetto autonomo al centro e di rientrare nella federazione di centrodestra moderato e unito come da tempo chiede Silvio Berlusconi.

"Ricordo a me stesso che il ministro Costa è stato eletto sotto la sigla Berlusconi Presidente e che Costa è stato mio delegato d'Aula del gruppo parlamentare di Forza Italia, bravissimo", ha sottolineato intanto Renato Brunetta a chi gli chiedea un commento sulle indiscrezioni, "Costa è un amico, è un liberale. Non posso far altro che apprezzare il livello d'attrazione di Forza Italia nei confronti di chi ci aveva, momentaneamente, lasciato. Stanno tornando, e questo non può che essere un fatto positivo. E il formarsi di ampie aree liberal popolari attorno a Forza Italia ci consentirà di rappresentare nel centrodestra la componente più vitale, più forte, più capace di guardare al futuro".

Tags

Correlati

Commenti

Commenta anche tu