Ex e amici: far vivere l’amicizia dopo l’amore

Ex e amici: far vivere l’amicizia dopo l’amore
31 Luglio Lug 2017 31 luglio 2017

Quando l’amore finisce, può nascere l’amicizia se ci sono le giuste premesse da entrambe le parti: ecco alcuni consigli per far funzionare l’accoppiata ex e amici

Quando si rompe una relazione, soprattutto se di lunga data, non è mai semplice. Dopo giorni, mesi se non anni vissuti in coppia, bisogna abituarsi a ragionare singolarmente e spesso, all’idea di perdere definitivamente la persona con cui si è trascorso del tempo insieme, si decide di comune accordo di trasformare l’amore ormai finito in amicizia: ecco alcune dritte per ex e amici.

Le principali ragioni che spingono a rimanere amici possono essere diverse. La prima è sicuramente la sicurezza, ovvero la paura di ritrovarsi da soli e di non poter più contare sull’altro partner. Proporre un rapporto di amicizia suona sempre come un po’ meno doloroso e consente comunque di poter giovare della compagnia dell’altra persona. Ovviamente affinché l’amicizia funzioni, devono essere entrambe le parti a volerlo.

In molti casi, l’amicizia può essere dettata da motivazioni pratiche. Ciò si verifica ad esempio quando ci sono dei figli di mezzo ed è fondamentale mantenere un rapporto civile di rispetto reciproco per evitare che ne siano in un qualche modo danneggiati. Sono infatti numerosi i genitori che decidono di separarsi, riducendo al minimo l’impatto emotivo per i figli ed evitando di farsi vedere da loro in un’aula di tribunale che litigano. La ragione pratica alla base del rapporto tra ex e amici può riguardare non solo la prole, ma anche gli amici, i parenti e persino gli animali domestici, che ne potrebbero risentire e soffrire per la brusca separazione. In questo caso però, essendo finalizzata a uno scopo, l’amicizia tende a durare poco e ad essere solamente di facciata, riservata cioè alle occasioni in pubblico.

Alcuni decidono di rimanere amici per educazione e forse per ripulirsi la coscienza, per apparire meno duri agli occhi dell’altra persona che si sta lasciando. Questo è tipico dei soggetti ansiosi che temono le conseguenze future e preferiscono scegliere la via più semplice anziché troncare in modo definitivamente. Tuttavia, essere gentili e mantenere un atteggiamento positivo con il proprio ex non è sempre facile. Inoltre, anche in questo caso l’amicizia non è destinata a durare a lungo proprio perché si basa su fondamenta piuttosto fragili.

Infine, c’è anche chi mantiene l’amicizia con il proprio ex perché sotto sotto prova per lui o per lei un certo desiderio. Il fuoco dell’amore continua a bruciare vivo e l’amicizia può essere vista come l’opportunità per recuperare la passione di un tempo, come una seconda chance. Se c’è un’attrazione irrisolta, questo può solo significare che si prova ancora qualcosa per l’altra persona. Il desiderio può nascere dal fatto che, in seguito alla rottura, ci si sente emotivamente legati e vulnerabili. Ravvivare un rapporto con queste premesse può però essere emblematico: non è infatti detto che l’altra meta della coppia sia altrettanto interessata e si rischia di confondere l’amicizia con l’amore, con conseguenze disastrose. È sempre meglio non forzare mai la relazione ex e amici ed evitare il più possibile i condizionamenti, soprattutto interni, comportandosi sempre in modo adulto, civile e responsabile.

Tags

Commenti

Commenta anche tu