Milano, tenta abuso su bambina: caccia al pedofilo

Milano, tenta abuso su bambina: caccia al pedofilo
14 Settembre Set 2017 14 settembre 2017

"Mi ha preso per una spalla, mi faceva male. Mi ha fatto entrare in un portone", ha raccontato la bambina. L'espisodio in zona Sarpi a Milano

Un racconto preciso e dettagliato che ha sconvolto prima la famiglia e poi gli inquirenti. "Mi ha detto 'andiamo' ma io non volevo. Non lo conoscevo", ha affermato una bambina di origine cinese di sei anni, vittima di un tentato abuso in zona Sarpi, la Chinatown milanese.

Come riporta Repubblica, la bambina aveva raccontato dell'accaduto al fratello più grande e ai genitori. Poi quelle parole sono finite sul tavolo del terzo Dipartimento della Procura di Milano, specializzato in violenze sessuali e sui minori. "Mi ha preso per una spalla, mi faceva male. Mi ha fatto entrare in un portone, non di casa mia, ma in un palazzo vicino. E continuava a spingermi, fino a un cortile".

La bambina ha confermato la storia anche agli psicologi, raccontando che l'uomo avrebbe provato ad abusare di lei, sbottonandosi i pantaloni. I condomini attirati dalle urla della giovane sarebbero intervenuti, impedendo che si consumasse la violenza. Il racconto della minore ha fornito prove importanti alla squadra mobile che è ora al lavoro per fermare l'uomo. La bambina ha indicato alla polizia il suo aggressore: si tratterebbe di un uomo sulla quaratina, italiano o dell'Est Europa, che indossava una maglietta blu e un paio di jeans.

Il racconto della giovane sembra essere confermato anche dalle immagini delle telecamere della zona che avrebbero inquadrato l'uomo mentre spingeva la piccola dentro a un portone. Il pedofilo sarebbe uscito poco dopo correndo. La bambina è stata portata alla clinica Mangiagalli per alcuni esami che hanno accertato la mancanza di un rapporto tra lei e l'uomo. Il caso è avvolto dal massimo riserbo, ma la polizia avrebbe già identificato l'agressore.

Tags

Commenti

Commenta anche tu