I rossi fanno affari in nero: apre il bar dei centri sociali

16 Settembre Set 2017 16 settembre 2017

Gli abusivi si allargano e pagheranno gli avvocati ai compagni imputati

Il «Lambretta» riapre, più impunito che mai. Dopo la sala bingo di via Val Bogna si prende anche l'ex ristorante accanto. Insieme al bar dunque, arriva anche la ristorazione. Doppio appuntamento annunciato in calendario: stasera «una serata per tutti i gusti» e venerdì 22 il bis. «Varieremo tanti generi musicali e vi faremo scoprire una nuova parte di Lambretta». La «nuova parte» è il frutto dell'ennesimo esproprio, «proletario» certo, come no? Tutto è «popolare», «solidale», «proletario» a parole. In realtà i proventi di queste attività, per esempio gli incassi di stasera, andranno a finanziare le spese legali dei «compagni» che sono imputati, per occupazioni, sgomberi o casi simili. Spese legali e multe le pagheranno con queste attività commerciali, tutte esentasse. Reagiscono il presidente del municipio, Paolo Bassi, il presidente di commissione Francesco Rocca e l'ex vicesindaco Riccardo De Corato.

Commenti

Commenta anche tu