Il Rosatellum incassa la terza fiducia. Timori sul voto segreto finale

Il Rosatellum incassa la terza fiducia. Timori sul voto segreto finale
12 Ottobre Ott 2017 4 giorni fa

La Camera approva la terza fiducia al Rosatellum bis. Ora gli occhi sono puntati sul voto finale: è a scrutinio segreto e si temono i franchi tiratori

Il Rosatellum bis avanza senza intoppi. Dopo i due "sì" incassati ieri, il governo Gentiloni porta a casa anche la fiducia della Camera sull'articolo 3 e riesce a far approvare anche gli articoli 4 e 5 sui quali, invece, non era stata posta la questione di fiducia. Ora l'Aula esaminerà gli ordini del giorno, in tutto circa 150, e poi si passerà al voto finale, che dovrebbe svolgersi a scrutinio segreto. Ma sono proprio i numeri, che potrebbero mancare al voto finale per opera dei consueti franchi tiratori, a preoccupare.

La partita vera si gioca in un solo colpo, ovvero sul voto finale. "Se dovesse saltare il Rosatellum andrebbe in tilt tutto il sistema", avvertono i più. Ma c'è anche chi è disposto a portare il Paese all'esercizio provvisorio. Nella Lega si nega che siano pronti all'azione franchi tiratori ma soprattutto in Forza Italia, Pd e Ap si fa la conta di chi potrebbe decidare di affossare il sistema di voto. Difficile fare calcoli, i mal di pancia vanno per aree geografiche trasversali più che per schieramenti politici. Tra i dem alla Camera si pensa che una quota di trenta contrari sia fisiologica, ma i peones vengono considerati non "controllabili", delle vere e proprie "mine vaganti". "Di fronte ai propri interessi - argomenta un esponente dem - non c'è leader che tenga".

Ieri tutti i big dem, da Andrea Orlando a Dario Franceschini, erano in Transatlantico per "catechizzare" i propri deputati di riferimento. Al momento agli atti ci sono i "no" alla fiducia di Gianni Cuperlo, Marco Meloni e Franco Monaco. E pesano le perplessità di Giorgio Napolitano. "Ma - argomenta un altro malpancista Pd - le logiche sono personali, chi è al terzo mandato oppure è sicuro di non essere ricandidato spariglierà le carte". In realtà a Montecitorio tra i sottoscrittori del patto prevale comunque un cauto ottimismo, soprattutto qualora arrivasse il soccorso di qualche pisapiano: sulla carta i "sì" sarebbero oltre 400, una cifra che potrebbe sfiorare i 450. Quindi per bocciare la legge le defezioni dovrebbero essere da un minimo di 120 a un massimo di 127 e tutto il fronte del "no" dovrebbe andare in Aula a votare, compatto, senza assenze.

Problemi più concreti potrebbero manifestarsi più a Palazzo Madama. Da qui l'intenzione della maggioranza di accelerare avviando l'iter del Rosatellum già la settimana prossima, con il via libera definitivo prima del voto in Sicilia.

Tags

Commenti

Commenta anche tu