Tumori e sesso orale, uno studio Usa: "Maschi più a rischio delle donne"

Tumori e sesso orale, uno studio Usa: Maschi più a rischio delle donne
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
24 Ottobre Ott 2017 24 ottobre 2017

Secondo una ricerca statunitense, il virus Hpv sarebbe responsabile di gran parte delle neoplasie del cavo orale. A rischio gli uomini che hanno avuto cinque o più partner sessuali

Il sesso orale provocherebbe maggiori rischi di ammalarsi di tumore negli uomini che nelle donne. A svelarlo è uno studio Usa secondo cui il Papillomavirus o Hpv sarebbe decisivo nell'insorgenza di tumori e di lesioni precancerose sia negli uomini che nelle donne.

Tuttavia mentre per i maschi il rischio di cancro sarebbe maggiore per chi ha avuto cinque o più partner con cui hanno praticato sesso orale, per le donne il numero di compagni a letto non sarebbe rilevante. Un fattore di rischio aggiuntivo importante, com'era prevedibile, si applica soprattutto ai fumatori.

I ceppi del virus più pericolosi sarebbero 150, in grado di causare cancro alla cervice uteriane e neoplasie che colpiscono vulva, vagina, pene e ano e di carcinomi dell’orofaringe. Secondo i ricercatori statunitensi, entro tre anni le neoplasie del cavo orale dovute ad Hpv saranno più frequenti di quelle all'utero. Addirittura il 70% dei casi di cancro orofaringeo sarebbe stato trasmetto dal virus, che fra l'altro si può trasmettere alla bocca e alla gola proprio tramite le pratiche di sesso orale.

Delle 12mila nuove diagnosi di queste patologie che ogni anno vengono registrate negli States, oltre l'80% riguarderebbe i maschi: dagli anni Ottanta l'incidenza sarebbe in crescita e fra gli uomini i casi sono raddoppiati negli ultimi vent'anni. In Italia invece il Papillomavirus causerebbe almeno 6500 casi di nuovi tumori ogni anno.

Tags

Commenti

Commenta anche tu