Simon, malato di leucemia, avvera il suo sogno: volare con l'esercito italiano

Simon, malato di leucemia, avvera il suo sogno: volare con l'esercito italiano
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
29 Ottobre Ott 2017 29 ottobre 2017

Il piccolo, affetto da leucemia, ha potuto volare su un elicottero CH-47F ‘Chinook’ di stanza alla base dell’aeroporto ‘Tommaso Fabbri’

Volare su un elicottero militare: era il sogno di Simon, bambino austriaco di sette anni affetto da leucemia che un giorno ha visto “un grande elicottero a due rotori in televisione”, e da allora non è più riuscito a smettere di sognare.

“Cosa si prova a volare su un affare del genere?” Continuava a domandarsi Simon; ma il sogno questa volta si è avverato. Il merito è di ‘Make a Wish’ Italia - Onlus specializzata nel realizzare i desideri dei bambini affetti da gravi patologie - che in collaborazione con il Comando Aviazione dell’Esercito (AVES), è riuscita a mettere ‘a disposizione’ del piccolo austriaco un elicottero CH-47F ‘Chinook’ di stanza alla base dell’aeroporto ‘Tommaso Fabbri’, dove operano i reggimenti ‘Antares’ e ’Scorpione’.

‘Make a Wish’ è un organizzazione no-profit nata negli Stati Uniti nel 1980 che oggi opera in 45 paesi e attraverso donazione ha realizzato più di 450.000 desideri di bambini e bambine compresi tra i 3 e i 17 anni che volevano incontrare il loro cantante preferito - da Justin Biber ai Kiss - il loro calciatore del cuore - come Totti o Cassano - essere per un giorno un pompiere, un cow-boy, una debuttante che balla il valzer con un cadetto dell’Accademia di Modena, o soltanto coccolare un cucciolo di volpe.

Simon voleva essere un elicotterista per un giorno. Così è arrivato con la sua famiglia in Italia, si infilato la bomber jacket da pilota sulla pista, e con il gagliardetto dell’AVES sul cuore, è salito sopra un ‘bestione’ dell’Aviazione dell’Esercito che lo ha portato in aria con i suoi due potenti rotori insieme ai piloti dell’Esercito; veterani che negli ultimi anni si sono distinti più volte, sempre prima linea nelle missioni nazionali e internazionali, e conoscono bene il sogno del piccolo Simon: volare su quei bestioni e vedere cosa si prova.

Tags

Commenti

Commenta anche tu