Hacker italiani scoprono falla nel sistema che rende anonimi sul web

Hacker italiani scoprono falla nel sistema che rende anonimi sul web
3 Novembre Nov 2017 18 giorni fa

Un'azienda di cybersicurezza ha trovato un "bug" nel sistema che permette di navigare senza lasciare traccia

È stato violato Tor, il sistema più noto per navigare su internet in modo anonimo e addentrarsi nei meandri del cosiddetto "deep web" senza lasciare traccia alcuna.

A bucare i sistemi dell'azienda Usa sono stati gli hacker di We are Segment, piccola azienda di cybersicurezza italiana, che - come racconta a Repubblica l'ad Filippo Cavallarin, ha scoperto una falla nella rete: semplificando, era possibile risalire all'identità degli utenti che utilizzavano Tor sui sistemi operativi MacOs o Linux.

La falla è stata subito segnalata allo staff dell'azienda californiana che ha risolto il problema prima ancora che la notizia venisse diffuso. "La compromissione dell'anonimato è un problema da non sottovalutare assolutamente nella rete Tor", spiega Cavallarin, "Infatti espone ad altissimo rischio tutti coloro che affidano a Tor la loro identità ed in alcuni casi, può anche costare loro la vita. Basti pensare a quanti giornalisti, grazie a questo strumento, eludono le censure governative per esercitare il loro diritto alla libertà di parola".

Il sistema, creato in ambito militare per proteggere le comunicazioni dei servizi segrete, è diventato pian piano punto di riferimento di chi - per fini leciti o illeciti - preferisce non far sapere cosa fa e quali siti frequenta sul web (magari in Paesi ad alto tasso di censura) o consultare portali "sconosciuti" ai motori di ricerca.

Tags

Commenti

Commenta anche tu