La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra

La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra
8 Novembre Nov 2017 13 giorni fa

Dopo il successo dell’Ombra di Mordor, la Monolith è decisa a ripetersi con questo nuovo capitolo della saga ispirata al Signore degli Anelli

Dopo il successo dell’Ombra di Mordor, la Monolith è decisa a ripetersi con questo nuovo capitolo della saga ispirata al Signore degli Anelli, intitolato L’Ombra della Guerra. Con l’ultimo colpo di scure sul Nuovo Anello si genera una grande esplosione che scaraventa il Signore degli Elfi lontano dalla voragine del fato. Il Grande Ragno Shelob, quindi, si impadronisce dello spettro, che userà come merce di scambio con Talion per ottenere l’anello, acquisendo di fatto il potere degli elfi. Shelob è in grado di stabilire, attraverso delle visioni, la posizione esatta del Palantir, oggetto ricercato anche da Celebrimbor, lo spettro, per dominare Mordor e sconfiggere il signore oscuro. Ci ci troveremo, così, durante tutto l’arco narrativo, alla ricerca di questo preziosissimo manufatto. La mappa dell’Ombra della Guerra è completamente open world e sarà possibile cimentarsi in numerose attività, tra cui l’Assedio alle Fortezze, grande novità del capitolo, dove il giocatore dovrà infiltrarsi all’interno di queste roccaforti che pullulano di nemici per uccidere il capo e sostituirlo con un nostro alleato. Non è un’impresa da poco e, per questo, avremo bisogno di alleati, che acquisiremo con l’avanzare dei livelli di Talion, il nostro personaggio, per arrivare fino a un massimo di cinque.
In seguito, ovviamente, ci sono tutte le altre missioni che spaziano dalle più epiche, come quella in cui cavalcheremo un drago, alle più monotone e classiche, con i piedi per terra e la spada in mano, che, insieme, danno vita a una varietà mostruosa di attività in cui buttarsi e rimanere per ore incollati al video. Il combat system è semplicissimo e identico al precedente capitolo, così come l’albero delle abilità che comprende centoventi slot, anche se alcuni power up si dividono in rami ancora più specifici, che ovviamente non possono essere compresenti, ma vanno scelti attentamente prima di ogni missione in base alla loro effettiva utilità. Nel complesso, l’Ombra della Guerra è un ottimo gioco che sicuramente eguaglierà il successo del precedente capitolo grazie alla narrazione profonda e dettagliata e alla varietà di attività presenti nella mappa.

Commenti

Commenta anche tu