La versione dei cecchini sulla strage di Kiev: «Ordini dall'opposizione»

La versione dei cecchini sulla strage di Kiev: «Ordini dall'opposizione»
15 Novembre Nov 2017 7 giorni fa

Nel 2014 in Ucraina morirono 80 persone Le accuse contro il fronte anti Yanukovich

«Tutti hanno incominciato a sparare due o tre colpi alla volta. È andata avanti per quindici, venti minuti. Non avevamo scelta. Ci era stato ordinato di sparare sia sulla polizia, sia sui dimostranti, senza far differenza. Ero totalmente esterrefatto». Così il georgiano Alexander Revazishvilli ricorda la tragica sparatoria del 20 febbraio 2014 a Kiev quando un gruppo di misteriosi cecchini aprì il fuoco su folla e poliziotti massacrando oltre 80 persone. Quella strage fece inorridire il mondo e cambiò i destini dell'Ucraina costringendo alla fuga il presidente filorusso Viktor Yanukovich accusato d'aver organizzato la sparatoria. Ma la strage cambiò anche i destini dell'Europa e del nostro paese innescando la crisi che porterà alle sanzioni contro la Russia di Putin. Sanzioni rivelatesi un boomerang per l'economia italiana (Guarda il video).

Le confessioni di Revazishvilli e di altri due georgiani - raccolte da chi scrive nel documentario «Ucraina, le verità nascoste» in onda stasera alle 23.30 su Matrix, Canale 5 - svelano una verità diversa e sconcertante. La verità di una strage ordita e attuata dalla stessa opposizione che accusò Yanukovich e i suoi alleati russi. Revazishvilli e i suoi due compagni - incontrati e intervistati nel documentario - sono un ex membro dei servizi di sicurezza dell'ex presidente georgiano Mikhail Saakashvili e due ex militanti del suo stesso partito. Ingaggiati a Tbilisi da Mamuka Mamulashvili consigliere militare di Saakashvili vengono incaricati di appoggiare - assieme ad altri volontari georgiani e lituani - le dimostrazioni in corso a Kiev in cambio di un compenso finale di 5mila dollari a testa. Muniti di passaporti falsi arrivano in Ucraina per coordinare le dimostrazioni e provocare la polizia ucraina, inizialmente senza far uso di armi. Le armi entrano in scena il 18 febbraio e vengono distribuite ai vari gruppi di georgiani e lituani da Mamulashvili e da altri leader dell'opposizione ucraina. «In ogni borsa c'erano tre o quattro armi, c'erano pistole Makarov, mitragliatori Akm, carabine E poi c'erano pacchi di cartucce». L'indomani Mamulashvili e i capi della protesta spiegano ai volontari che dovranno fronteggiare un assalto della polizia al palazzo del Conservatorio e all'hotel Ucraina. In quel caso - viene spiegato - bisognerà sparare sulla piazza e seminare il caos. Ma uno dei protagonisti confessa di aver ricevuto un'altra spiegazione, molto più esauriente. «Quando è arrivato Mamulashvili l'ho chiesto anche a lui. Le cose si stanno facendo complicate, dobbiamo incominciare a sparare - mi ha risposto non possiamo andare alle elezioni presidenziali anticipate. Ma a chi dobbiamo sparare?, gli ho chiesto. Lui mi ha risposto che il chi e il dove non importava, bisognava sparare da qualche parte tanto per seminare caos».

«Non importava se sparavamo ad un albero, a una barricata o a chi tirava le molotov. conferma un altro volontario - quel che contava era seminare confusione. Sentivi delle urla confessa Alexander - c'erano morti e feriti. Il mio primo e unico pensiero è stato andarmene in fretta prima che s'accorgessero di me. Altrimenti mi avrebbero fatto a pezzi. Qualcuno stava già gridando che c'erano dei cecchini A quattro anni di distanza Alexander e i suoi due compagni raccontano di non aver ancora ricevuto la minima ricompensa e d'aver deciso anche per questo di raccontare la verità su chi li ha usati e abbandonati. «In quel momento non ho realizzato, non ero pronto, poi ho capito. Siamo stati usati. Usati e incastrati».

Correlati

Commenti

Commenta anche tu