Il dramma di Silvia Salemi: "Ho perso una sorella e la voce"

Il dramma di Silvia Salemi: Ho perso una sorella e la voce
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
4 Dicembre Dic 2017 04 dicembre 2017

Ospite delle Storie Italiane Silvia Salemi ha parlato della sua vita privata: "Io quando ero piccola non parlavo, i miei credevano fossi senza voce. Poi il registratore mi ha cambiato la vita"

Ospite delle Storie Italiane, Silvia Salemi ha raccontato un particolare della sua vita che in pochi sapevano.

La vincitrice del Premio Volare al Festival di Sanremo del 1997 ha confessato a Eleonora Daniele che quando era piccolina non parlava, i suoi genitori pensavano che non avesse la voce. Poi, un giorno, ha trovato il registratore della sorella Laura e premendo qualche bottone ha sentito la sua voce e da quel momento ha iniziato a parlare. Dal registratore sono uscite queste parole che le hanno cambiato la vita: "Io Laura, di anni 5 e mesi due, voglio dire che lascio tutti i miei giochi a Silvia perché è una bambina buona. Silvia vieni mi devi aiutare a fare la flebo a Pinocchio".

"Laura è il mio angelo, è stata quella persona che mancando mi ha fatto nascere - dice commossa la Salemi -. Mia madre scopre contemporaneamente che mia sorella Laura aveva una leucemia e che era incinta di me. Io ero la terza. Il medico di famiglia le ha detto di tenermi perché ero un miracolo e perché Laura se ne sarebbe andata. Arrivavo io e le avrebbero tolto lei. Io ero un feto e ho stipulato idealmente un patto di sangue e di vita con mia madre. Le dico: 'Sì mamma fammi restare io non sarò mai un problema per te, tu farai un percorso con Laura e io starà in un angolo'. E così ho fatto".

Tags

Commenti

Commenta anche tu