Molestie a Hollywood, Tom Hanks: "I predatori sono ovunque"

Molestie a Hollywood, Tom Hanks: I predatori sono ovunque
4 Dicembre Dic 2017 9 giorni fa

Tom Hanks parla dello scandalo sessuale che ha travolto Hollywood: l'attore spiega come i predatori siano ovunque, per mancanza di etica nella società

Per Tom Hanks, i predatori sono "assolutamente ovunque". E non solo sul fronte delle molestie sessuali. Il noto attore si è voluto esprimere, in un'intervista a People, in merito allo scandalo degli abusi che ha coinvolto Hollywood nelle ultime settimane.

Hanks ha spiegato come vi siano molte ragioni che possono spingere un individuo a entrare nel mondo del cinema. Fare un film dona molta gioia, spiega la star, mentre il set può rappresentare un'occasione unica per conoscere persone divertenti, ampliare le proprie conoscenze e anche innamorarsi. Eppure, permane un lato oscuro che non può essere ignorato. "Ci sono persone che entrano in questo business perché amano avere potere - spiega Hanks -e i momenti in cui si sentono più potenti - ovvero la ragione perché sono entrati in questo settore - sono quelli in cui possono colpire i loro sottoposti, non intendo necessariamente in modo sessuale. Ci sono predatori assolutamente ovunque".

È impossibile non pensare alle accuse mosse ad Harvey Weinstein da attrici come Rose McGowan o Asia Argento, ma anche Gwyneth Paltrow, Uma Thurman e Angelina Jolie. Nonché alla denuncia mediatica verso altri uomini di potere, dentro e fuori al cinema, che in tutto il mondo sono finiti sotto i riflettori per i loro comportamenti. Il sistema ha evidenziato una falla enorme, come se l'intero star system sia stato costruito sulla molestia sessuale. Ma Hanks ha anche una ricetta per uscirne: tornare ad abbracciare l'etica.

"Qualcuno ha detto: 'È troppo tardi per cambiare le cose?' - ha chiosato la star - No, non è mai troppo tardi. Non è mai troppo tardi per apprendere nuovi comportanti. Ed è responsabilità di tutti coloro che vogliono obbedire a un codice di etica professionale".

Tags

Commenti

Commenta anche tu