Piloti non vogliono rimpatriare profughi: 222 voli restano a terra

Piloti non vogliono rimpatriare profughi: 222 voli restano a terra
5 Dicembre Dic 2017 13 giorni fa

In Germania la protesta per non riportare i richiedenti asilo nel Paese d'origine

Duecentoventidue voli sono rimasti a terra da gennaio a settembre e la ragione non è un banale sciopero sindacale. A bloccare gli aerei destinati a volare verso le località dell'Afghanistan è stata piuttosto la protesta dei piloti contro il governo, convinti che non si possa ritenere il Paese "sicuro", come vorrebbe la Germania, e che dunque hanno incrociato le braccia quando gli è stato chiesto di rispedire indietro i richiedenti asilo da lì provenienti.

La maggior parte dei voli - scrive Repubblica - erano destinati a Kabul e in partenza da Francoforte, e di questi quasi un terzo avevano livrea della Lufthansa o della controllata Eurowings.

Aerei mai partiti dopo la protesta di chi doveva pilotarli. Un'iniziativa che si aggiunge a quelli dei medici che da mesi in Germania starebbero "inventando" malattie che ai profughi impediscono di viaggiare, in diretto contrasto con le indicazioni che arrivano dal governo di Berlino.

Tags

Commenti

Commenta anche tu