Caso Banca Etruria, c'è il sì per l'audizione di Ghizzoni

Caso Banca Etruria, c'è il sì per l'audizione di Ghizzoni
6 Dicembre Dic 2017 10 giorni fa

Insieme all'ex Ad di Unicredit saranno ascoltati gli ex ministri dell'Economia Giulio Tremonti, Vittorio Grilli e Fabrizio Saccomanni

C'è l'ok per l'audizione in Commissione banche dell'ex amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni. Insieme all'ex manager dell'istituto di credito saranno ascoltati gli ex ministri dell'Economia Giulio Tremonti, Vittorio Grilli e Fabrizio Saccomanni. Per il momento non è invece stata definito il modo in cui saranno ascoltati Gianni Zonin e Vincenzo Consoli, sulle quali però c'è la contrarietà del presidente Pier Ferdinando Casini. È questo dunque il risultato emerso dalla dell'Ufficio di presidenza, come ha sottolineato Paolo Tancredi di Alternativa Popolare. E sull'audzione di Ghizzoni è intervenuto anche il sottosegretario Maria Elena Boschi: "L'audizione aiuta, è un elemento positivo, se Ghizzoni dirà la verità sarà un bene per tutti". Sull’opportunità che anche Pier Luigi Boschi possa essere audito in commissione, il sottosegretario ha affermato: "Andrà, ma mi sembrerebbe strano che venisse chiamato solo lui". E su un suo presunto intervento nel caso Banca Etruria, la Boschi afferma: "Non c'è stato nessun atteggiamento di favore mio o da parte del governo nei confronti di mio padre. Ribadisco quello che ho detto due anni fa in parlamento", dice ancora. "Tutti sapevano che quelle banche erano in difficoltà. Ci saranno processi che accerteranno la verità e chi ha sbagliato deve pagare, compreso mio padre ma i processi si fanno nelle aule non nei talk show. La legge è uguale per tutti anche per mio padre, non ho mai chiesto sconti ma l'attenzione deve essere su tutte le vicende bancarie, lo si deve ai cittadini", ha concluso durante un'intervista a Porta a Porta.

Tags

Commenti

Commenta anche tu