Roma, rubinetti e water d'oro in una casa popolare occupata

Roma, rubinetti e water d'oro in una casa popolare occupata
7 Dicembre Dic 2017 11 giorni fa

Il blitz della polizia di Stato e della polizia di Roma Capitale a Tor Bella Monaca: due appartamenti popolari occupati e ristrutturati con finiture di lusso

Arredamenti e finiture che definire "sfarzose" è forse troppo poco. Vasca da bagno con tende di pregio, rubinetti in oro, water dorati e elettrodomestici di lusso. È quello che si sono trovati di fronte gli agenti dell'Uspda e della polizia di Stato del commissariato Casilino Nuovo in una casa popolare a Tor Bella Monaca in via dell'Archeologia a Roma.

L'appartamento, secondo quanto scrive la polizia di Roma Capitale in una nota, era già stato sequestrato in passato, ma ultimamente "erano stati violati i sigilli per consentire l'ingresso di nuovi occupanti", che si erano pure allacciati abusivamente alla rete dell'energia eletrtica di Acea. Quando gli agenti hanno fatto irruzione in casa hanno trovato all'interno solo una donna italiana e tre bambini nomorenni, i quali non hanno opposto resistenza e, raccolte le loro cose, hanno lasciato la casa. La Sala Operativa Sociale ha provveduto a mettere a disposizione un nuovo appartamento alla donna, vista la presenza di bambini di minore età, ma la nuova soluzione abitativa è stata rifiutata.

Via dell’Archeologia, recuperati 3 immobili occupati
#tutelapatrimoniohttps://t.co/up90rQrMrV pic.twitter.com/3U13Gs1ctd

— PoliziaRomaCapitale (@PLRomaCapitale) 7 dicembre 2017

"Successivamente - si legge nel post pubblicato online dagli agenti della municipale - è stato individuato un secondo appartamento illegalmente occupato da persone facenti capo ad una nota famiglia malavitosa di zona, legata da rapporti di parentela con gli occupanti del primo. Anche in questi locali, posti sotto sequestro, era presente arredamento lussuoso con vasca da idromassaggio, cassaforte, tv gigante e mobili preziosiInfine, una terza persona ha consegnato volontariamente le chiavi di un altro appartamento. Tutti le case sono state consegnate ai legittimi assegnatari, vincitori del regolare bando di gara.

Entrambi gli appartamenti sarebbero stati ristrutturati senza le autorizzazioni richieste. Non solo. Con l'occasione la polizia ha portato al blitz anche i cani antidroga dell'unità cinofila, scelta che ha permesso di individuare e arrestare due persone per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Tags

Commenti

Commenta anche tu