Moody's, prima bocciatura al nuovo fisco di Trump

Moody's, prima bocciatura al nuovo fisco di Trump
Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
22 Dicembre Dic 2017 22 dicembre 2017

L'agenzia di rating: "Riforma positiva solo per gli utili aziendali, ma debito alle stelle e scarso impatto sul Pil"

C'è chi, come la Federal Reserve, si è tenuta prudentemente sul vago: «La riforma fiscale aiuterà la crescita economica, ma è ancora incerto il quanto», aveva detto a mezza bocca la scorsa settimana Janet Yellen. Per altri, per i professionisti delle previsioni, la creatura di Donald Trump esercita però un'attrazione irresistibile. Moody's ha infatti già emesso il suo verdetto bipolare: sarà positiva per i profitti aziendali, in particolare di banche, assicurazioni e gestori di patrimoni, ma un danno per il debito federale. Probabile, almeno a giudicare dalla sollecitudine con cui le corporation a stelle e strisce stanno comunicando l'intenzione di allargare i cordoni della borsa, alzando i salari ai dipendenti. L'effetto moral suasion, esercitato dalla stessa Fed che da tempo reclama la stagnazione delle buste paga, centra relativamente: è invece più probabile che la generosità sia legata al taglio permanente dell'aliquota aziendale dal 35 al 21%, un netto risparmio in termini di tasse destinato a impattare positivamente sui bilanci.

E così, dopo l'apripista AT&T, ecco allungarsi la lista di quanti si preparano ad alzare stipendi e benefit. Well Fargo e Fifth Third Bancorp faranno salire i salari orari a 15 dollari; Comcast verserà bonus da mille dollari a oltre 100mila dipendenti; Boeing si è impegnata a investire 300 milioni di dollari tra beneficenza, programmi di sviluppo dei dipendenti e migliorie per un «posto di lavoro del futuro». Insomma, qualcosa si muove. E probabilmente siamo solo all'inizio. Trump è convinto che le aziende rimpatrieranno 4mila miliardi, una montagna di denaro che potrebbe essere utilizzata per creare nuove realtà imprenditoriali e posti di lavoro. È ciò che all'America serve per centrare l'obiettivo della Casa Bianca di una crescita del 3%. Un traguardo che quest'anno non sarà tagliato: nel terzo trimestre il Pil è salito del 3,2% (dato rivisto al ribasso dal precedente 3,3%), ma rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso il rialzo del Pil è del 2,3%.

Moody's, comunque, ritiene che il contributo della riforma fiscale alla crescita del Pil si limiterà a uno o due decimi di punto percentuale, considerato l'impatto «probabilmente modesto» sui consumi privati e sugli investimenti del nuovo regime di tassazione. Che, invece, provocherà un aumento di 1.500 miliardi di dollari al deficit nazionale in un decennio. Ciò «metterà sotto pressione ulteriore i conti pubblici». A meno che la politica fiscale Usa non cambi rotta, Moody's stima che il debito salga di oltre il 25% nei prossimi 10 anni sopra il 100% del Pil.

Tags

Commenti

Commenta anche tu