Quei bambini sempre distratti «E se fosse colpa della nostra scuola?»

Sostieni il progetto Conflitti da non dimenticare su Gli Occhi della Guerra
10 Gennaio Gen 2018 10 gennaio 2018

Il pedagogista Novara: «Solo in Italia consideriamo la dislessia una malattia»

Maria Sorbi

I bambini che un tempo venivano semplicemente definiti un po' turbolenti, i «terremoti della classe», quelli con l'argento vivo addosso, oggi vengono inscatolati nella categoria degli alunni con disturbi dell'attenzione, problemi di dislessia, disgrafia, discalculia e chi più ne ha più ne metta. E quando la diagnosi viene formulata, se la portano dietro, come un'etichetta indelebile, durante tutto il loro percorso scolastico. Proprio così, diagnosi. Perché, mentre in tutta Europa i disturbi specifici dell'apprendimento non sono una malattia, in Italia sì, tanto che spetta al neuropsichiatra (e non allo psicologo) pronunciarsi sull'argomento. A quanto pare i bambini «malati» di disattenzione sono in continuo aumento.

LE STATISTICHE

L'Istat calcola che solo nel 2015 tra gli alunni della materna e della scuola secondaria, ben 233.477 allievi hanno difficoltà di apprendimento e l'associazione italiana della dislessia rileva 350mila bambini con problemi del linguaggio. Secondo l'organizzazione internazionale che conduce e condivide le ricerche scientifiche sulle difficoltà dell'apprendimento, solo il 2,5% della popolazione scolastica mondiale dovrebbe incontrare problemi nella cognizione numerica e solo l'1% sarebbe effettivamente soggetto a discalculia evolutiva. Ma i conti non tornano: i dati italiani parlano di circa un 20-30% di bambini con difficoltà significative nel calcolo, tanto da essere avviati in un percorso diagnostico e inseriti in un «protocollo educativo». Ovviamente non tutti questi bambini hanno un reale problema neurologico. Stupito da queste percentuali, il pedagogista Daniele Novara, fondatore del Centro psicopedagogico per l'educazione e la gestione dei conflitti, nel suo ultimo libro intitolato «Non è colpa dei bambini», azzarda un'ipotesi: «E se ad essere malato fosse il nostro sistema educativo e scolastico?».

L'esperto di infanzia, considerando che in ogni classe c'è almeno un ragazzo che soffre di problemi di apprendimento, considera: «Stiamo sostituendo la psichiatria all'educazione. In una scuola e in una società che stanno rinunciando a educare le nuove generazioni, è diventato perversamente più semplice definire malato un bambino che non riusciamo a educare. Va invece recuperata la missione primaria delle famiglie e dei docenti». Secondo il pedagogista Novara la scuola italiana punta a «livellare» tutti gli alunni sugli stessi standard (i voti) senza preoccuparsi e senza essere in grado di valutare i progressi del singolo alunno. «Accade che un insieme di test - sostiene - non riesca a distinguere pienamente se il deficit riscontrato sia da attribuire a un disturbo neurologico o a un insieme di difficoltà che spesso possono essere risolte. Quindi si finisce per certificare come Dsa anche chi non lo è davvero».

Tutti i pedagogisti sono d'accordo nel dire che, innanzitutto, un bambino con disturbi di dislessia e affini, vada aiutato in famiglia: ad esempio impedendogli di passare troppo tempo da solo davanti a tv, Ipad e videogiochi. Oppure proponendogli giochi che lo aiutino a lavorare sulla lettura e soprattutto gli facciamo capire quanto sia importante prendersi il tempo necessario per scrivere una parola o leggere una pagina di un libro, a cominciare da quelli agevolati fatti apposta.

La calma è la miglior cura, prima ancora di una certificazione e di un protocollo che condanni a un percorso obbligato «a vita». Poi, ma solo dopo, si può ricorrere a una consulenza di un logopedista, cioè di un professionista sanitario che aiuti a rieducare la voce, il linguaggio scritto e orale e la comunicazione. In questo modo il bambino (o l'adolescente) potrà tornare ad essere autonomo nella lettura.

I SOFTWARE DI LETTURA

Per il recupero delle abilità di lettura, sono sempre più utilizzate le procedure informatizzate che consentono di ridurre il numero di errori di almeno il 50%. Nella velocità di lettura si è riscontrato un miglioramento in pochi mesi pari a quello atteso per evoluzione naturale in un anno. L'uso di software specifici permette di affrontare più serenamente le richieste scolastiche e di riabilitare, divertendosi, tutte le competenze.

Sul mercato si possono trovare svariati programmi per automatizzare il processo di lettura per quanto riguarda le abilità strumentali (correttezza e rapidità) oppure programmi che permettono di migliorare gli aspetti meta cognitivi per comprendere al meglio un testo scritto. Esistono poi software che fungono da strumenti compensativi sempre più sofisticati: l'editor di testi, una tipologia di software che consente di scrivere dei testi e può essere usato in abbinamento o in sostituzione al tradizionale quaderno. E ancora la sintesi vocale, che trasforma in audio il testo digitale, importato o scritto, il traduttore automatico, programma in grado di tradurre testi in diverse lingue. I libri digitali, che sono libri scolastici forniti dalle case editrici direttamente in formato digitale.

Commenti

Commenta anche tu